• Google+
  • Commenta
16 agosto 2012

Valorizzare cultura e ambiente in Sardegna: firmato il progetto

E’ stato sottoscritto il 10 agosto u.s. il protocollo finalizzato alla valorizzazione culturale e ambientale del Nord Sardegna.

L’accordo arriva a seguito di alcuni incontri svolti a Stintino, comune capofila dell’iniziativa, ai quali hanno partecipato: il Rettore Attilio Mastino e il suo delegato, il Sindaco Antonio Deiana, il Sindaco di Porto Torres Beniamino Scarpa, il Sindaco di Sorso Giuseppe Morghen, il Presidente del Parco Nazionale dell’Asinara Pasqualino Federici e il Direttore del Parco Regionale di Porto Conte Vittorio Gazale.

Il Gruppo mette in comunicazione istituzioni diverse che hanno trovato la giusta sinergia. Il protocollo, infatti, evidenzia l’impegno pubblico assunto dai Comuni aderenti alla tutela e al potenziamento di beni collettivi e indispensabili, come la cultura e l’ambiente. Al momento gli Enti aderenti sono: I Comuni di Stintino, Porto Torres, Sorso e Castelsardo, il Parco dell’Asinara e il Parco di Porto Conte, l’Università di Sassari, la Direzione generale dei Beni Culturali e paesaggistici della Sardegna e l’Agenzia Regionale per la Conservatoria delle coste, ma l’ingresso resta aperto agli altri Enti che volessero aderire.

Alcuni degli obiettivi del protocollo, firmato nei giorni scorsi nell’aula del rettorato, sono: la stesura di un progetto condiviso, frutto di competenze specifiche presenti sul territorio, che valorizzi le risorse ambientali, culturali e paesaggistiche dell’area nord-ovest della Sardegna; l’individuazione delle modalità operative per attuare le definite strategie atte a valorizzazione tali risorse creando una sorta di integrazione fra i diversi settori economici e sociali che consenta una migliore fruizione delle risorse; il conseguimento di un adeguato impatto territoriale degli interventi di valorizzazione culturale, ambientale e turistica; la creazione di un sistema culturale e ambientale quale insieme organizzato di risorse ambientali e culturali del territorio e della loro messa in rete e gestione.

In coerenza con le forme e gli interventi regionali di pianificazione e programmazione sul territorio, il progetto intende promuovere forme di gestione integrata di una serie di beni differenti, come aree protette, beni monumentali e archeologici di riconosciuto valore, musei presenti sul territorio, biblioteche e archivi storici al fine di consentire una tutela, ma al tempo stesso una valorizzazione e, dunque, una più ampia fruizione dei beni e dei servizi.

L’unione dei territori, legati dall’ambiente comune, è condizione essenziale per giungere ad una nuova forma di gestione integrata che superi i confini comunali e che si sviluppi di pari passo alle esigenze avvertite dall’intera collettività. Grande assente è, per ora, il Comune di Alghero la cui partecipazione è auspicata dallo stesso Rettore, quale realtà territoriale da coinvolgere fortemente.

Daniela Angius

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy