• Google+
  • Commenta
17 agosto 2012

Verona, atti di vandalismo contro l’Istituto Provolo

Cinque ragazzi sono stati denunciati per danni scolastici.

L’ Istituto Antonio Provolo di Verona è ancora nell’occhio del ciclone. Nel 2009 molti ex studenti sulle pagine delle maggiori testate giornalistiche italiane hanno confessato gli abusi subiti fino al 1984 da parte di alcuni preti pedofili. Oggi la struttura scolastica viene ripetutamente presa d’assalto da molti teppisti per sfogare la loro rabbia, la loro incivilità. Qualche settimana fa ci erano state le prime avvisaglie con il danneggiamento dei cancelli, dei muri, delle finestre dell’ Istituto. Alla fine si erano considerati degli atti isolati. Dopo i fatti del 14 Agosto la polizia ha capito di trovarsi davanti a dei veri e propri teppisti con un piano preciso.

I fatti sono accaduti martedì 14 Agosto, ma solo in questi giorni si è potuto diffondere la triste notizia, dopo che la Polizia di Verona ha avuto un paio di giorni per analizzare bene il caso. Gli inquirenti sono intervenuti dopo che alcuni cittadini avevano sentito strani rumori provenire dalla scuola. Con un blitz i poliziotti sono intervenuti, sono entrati nell’edificio trovando la maggior parte delle aule in condizioni disperate, completamente distrutte: mobili bruciacchiati, scritte sui muri, polvere di estintore versata ovunque, una vetrata sfondata, porte divelte. Con l’obiettivo di perquisire tutta la struttura, la Polizia ha trovato i ragazzi (quattro minorenni e una ragazza 18enne) sdraiati tranquillamente sui divani dell’ultimo piano. Dopo aver ammesso le loro responsabilità e il motivo (noia), stati tutti denunciati per danneggiamento aggravato in concorso.

 

Fonte notizia: Corriere del Veneto

Fonte foto: Il Gazzettino

Google+
© Riproduzione Riservata