• Google+
  • Commenta
20 settembre 2012

Cartellone del Teatro Palladium a Roma

CHI VA IN SCENA QUESTA SERA?

Teatro Palladium – Università Roma Tre , Piazza Bartolomeo Romano 8

Il cartellone di Settembre e Ottobre

teatro musicale, arti visive (Italia)
IL RIMEDIO DELLA FORTUNA
Sentieri Selvaggi/Masbedo/FannyArdant


sabato 29 e domenica 30 settembre – ore 20.30

Con Fanny Ardant, Mirko Guadagnini e Chiharu Kubo
da Le Remèdede Fortune di Guillaume de Machaut
Musica Filippo Del Corno, Parole Alex Cremonesi, Video Masbedo
Ensemble Sentieri Selvaggi, Direzione Carlo Boccadoro

a seguire lo spettacolo di domenica 30 settembre
APPENA FATTO
!
Sentieri Selvaggi/Masbedo/Fanny Ardant dialogano con Valerio Magrelli
Il confronto diretto fra pubblico e artisti sullo spettacolo appena andato in scena. Una serie di incontri curati da Rai Radio3 e Romaeuropa con alcuni degli artisti in programma al Festival  – a dialogo con personalità del mondo della cultura – per scoprire i sensi nascosti, le forme espressive e le pratiche registiche della creazione contemporanea.

Progetto realizzato dal Festival Milano Arte Musica nell’ambito di Metamondi di Telecom Italia,
Il rimedio della Fortuna è un cortocircuito tra arti, stili, personalità, lingue ed epoche diverse: la scintilla infatti scocca nel crepuscolo del Medioevo, laboratorio di idee che in futuro germoglieranno nel Rinascimento: è Guillaume de Machaut, compositore e letterato del XIV secolo, a creare Remède de Fortune, un poema dove a varie forme  metriche sono abbinati componimenti musicali nei più diversi stili – monodia e polifonia, chanson, virelai e danze.
Narrazione allegorica sulle sfortune e le pene d’amore, il lavoro di Machaut, già percorso da una scossa multidisciplinare, diventa l’epicentro per una profonda rilettura contemporanea che riunisce un gruppo di artisti disparati ma agguerriti, tra cui spicca la presenza di Fanny Ardant nel ruolo di Speranza. La trasformazione dell’ambientazione cortese nel nostro presente inizia dalla lingua: un autore di canzoni come Alex Cremonesi ha trasformato testi, parole, idee e sentimenti dal francese antico al moderno italiano. Operazione ancor più ardita e complessa è quella di Filippo Del Corno sulla musica:  mantenendo i profili melodici delle venerande melodie originali, il compositore milanese li ha inseriti in un paesaggio sonoro contemporaneo che, proprio come accadeva ai tempi di Machaut, spazia tra la musica colta e quella popolare. Sentieri Selvaggi viene fondato nel 1997 da Carlo Boccadoro, Angelo Miotto e Filippo Del Corno per avvicinare la musica contemporanea al grande pubblico.
Masbedo sono Nicolò Massazza e Iacopo Bedogni. Vivono e lavorano tra Milano e Berlino ed espongono da più di dieci anni nei principali musei del panorama contemporaneo.

Fanny Ardant esordisce al cinema nel 1979 e nel decennio successivo lavora con alcuni dei più grandi registi del Novecento, come Francois Truffaut, Alain Resnais ed Ettore Scola. Per Michelangelo Antonioni interpreta un ruolo in Al di là delle nuvole. Nel 2001 è Maria Callas in Callas Forever di Zeffirelli e l’anno successivo fa parte del cast tutto femminile di 8 donne e un mistero, con Catherine Deneuve, Isabelle Huppert e Emmanuelle Béart.

************

musica, danza (Portogallo, Italia, Gran Bretagna)
DANZA PREPARATA
John Cage / Rui Horta


mercoledì 3 e giovedì 4 ottobre – ore 20.30

Coreografia, scenografia, disegno luci Rui Horta
Piano Rolf Hind
Ballerina Silvia Bertoncelli
Costumi Ricardo Preto

Il corpo, il coreografo, il pianoforte preparato: ed è subito Cage. L’omaggio al compositore statunitense si apre con Danza preparata di Rui Horta, con Silvia Bertoncelli e Rolf Hind. Punto di partenza è Sonatas and Interludes, il ciclo per pianoforte preparato più celebre scritto da Cage, e stimolo per Horta a un approccio personale e quasi narrativo, lontano da reminiscenze e rivisitazioni, per una riflessione sulla filosofia di Cage, sulla musica, sulla danza, sulla vita. Una prova ad alta tensione da cui Silvia Bertoncelli, danzatrice e coreografa italiana di scuola Carolyn Carlson e Raffaella Giordano, non si tira indietro creando con il corpo e il movimento un sottile contrappunto tra Cage e Horta.
Con lei è Rolf Hind, pianista e compositore britannico che si è dedicato all’esecuzione della musica contemporanea e del Novecento, nonché vero appassionato di Cage e del suo pianoforte preparato, che eseguirà a memoria il ciclo come colonna sonora di uno spettacolo con un disegno luci puro e funzionale. Scritti tra il 1946 e il 1948, Sonatas and Interludes corrispondono alla fase in cui Cage studia le filosofie orientali: «In questi brani – rivela Horta -, ho scoperto nuove prospettive. Per esempio, la forza del carattere intimo, anche nei momenti più epici. Un aspetto di grande fascino:
il silenzio, la pausa, il tempo sospeso tra le note. Uno spazio per un ascolto attivo che è allo stesso tempo un luogo di libertà per il corpo in movimento».

************

musica (Italia)
PAIK ON CAGE
Contempoartensemble


sabato 6 ottobre – ore 20.30

Un concerto multimediale con un’antologia di video ritratti di John Cage da opere di NAM JUNE PAIK in collaborazione con Kinema A.C. Roma, Università Roma Tre / Dipartimento Comunicazione e Spettacolo, Electronic Arts Intermix (New York N.Y.)

Programma:
Two Pastorales (1951-52) per pianoforte preparato
Sonata for Clarinet (1933) per clarinetto vivace, lento e vivace
Five (1988) per cinque strumenti
Solo for Cello (1957-58) per violoncello
Six Melodies (1950) per violino e pianoforte
Seven (1988) per flauto, clarinetto in sib, percussioni, pianoforte, violino, viola e violoncello
Carlo Failli clarinetto, Duccio Ceccanti violino, Vittorio Ceccanti violoncello
Con la partecipazione del pianista Giancarlo Cardini
Mauro Ceccanti direttore
Marco Maria Gazzano curatore delle opere audiovisive

Il concerto del Contempoartensemble dedicato alla musica di John Cage offre un panorama che spazia attraverso i diversi periodi della sua carriera: una atmosfera creativa resa anche attraverso la retroproiezione di opere video dedicate al compositore da Nam June Paik. L’impaginato offre uno sguardo che dagli esordi arriva alla fine degli anni ’80:
la Sonata per clarinetto del 1933 risale infatti al periodo in cui Cage ancora studiava con Henry Cowell e Arnold Schönberg. Five come 26’1.1499” sono invece squisiti esempi dell’indeterminatezza applicata alla musica, in cui emerge lo spirito antiautoritario e libertario del loro creatore, tanto che alcuni profili della partitura sono lasciati aperti alla partecipazione degli interpreti che ne diventano in qualche modo “coautori”. Ci sono poi brani di soffusa melodicità come le Six Melodies, con il loro fascino ipnotico o l’austera e potente spiritualità di Seven, che come molti brani dell’ultimo periodo deve il suo titolo al numero di esecutori coinvolti. Durante il concerto sarà proiettato Paik on Cage, Ipotesi per un videoritratto di John Cage nel segno di Nam June Paik, curato da Marco Maria Gazzano e in cui spiccano estratti da opere come Global Groove (1973), Merce by Merce by Paik (1975-1976), Good Morning, Mr. Orwell (1984), Butterfly (1986) e da Spring/Fall (1986). Proprio Spring/Fall è una installazione-video su più schermi, realizzata da Paik nel 1986, che sarà riallestita nel foyer del Palladium. Fondato nel 1992 per iniziativa di Mauro Ceccanti, che ne è a tutt’oggi il direttore stabile e musicale, Contempoartensemble è un nucleo di solisti a geometria variabile che ha scelto come proprio ambito il Novecento musicale storico e la contemporaneità emergente.
L’unicità dell’ensemble, nel suo lavoro di ricerca, diffusione e produzione discografica, sta nello sviluppare una relazione con l’arte visiva per creare occasioni di interazione. Da 10 anni organizza il Contempoartefestival, che unisce le città di Firenze e Prato in un unico palcoscenico dedicato alla musica e alla cultura contemporanea.

************

musica (Italia)
PER JOHN CAGE

domenica 7 ottobre – ore 17


Silvia Schiavoni
voce, John Tilbury pianoforte, Edwin Prévost percussione,
Ulrike Brand violoncello, Daniel Studer contrabbasso, Giancarlo Schiaffini trombone e tuba,
Ars Ludi percussioni
Alvise Vidolin elettronica e regia del suono
Paola Campagna danza
prodotto da Goethe Institut in collaborazione con Istituto Svizzero di Roma

Per John Cage
è un omaggio al compositore e soprattutto all’artista che ha saputo intrecciare diversi linguaggi e forme: la musica naturalmente, il suono e il silenzio, e poi la danza, la poesia, le arti visive, lo spirito delle avanguardie del Novecento. Ecco allora un ensemble che avrebbe colpito la fantasia di Cage per la sua eterogeneità, formato da vari strumentisti e dai percussionisti di Ars Ludi, coordinato da Giancarlo Schiaffini, coadiuvato da Alvise Vidolin per l’elettronica dal vivo, dalla voce di Silvia Schiavoni, e dalla danzatrice Paola Campagna, per un impaginato che spazia tra i molteplici aspetti dell’arte cageana, e dove non poteva mancare 4’33”, il celeberrimo silenzio. Del primo periodo va ricordata la Suite for toy piano o A Flower, mentre della fine degli anni ’50 spiccano Fontana mix per nastro magnetico e Aria, composti nel 1958 quando Cage lavorava a Milano presso lo Studio di Fonologia della Rai diretto da Luciano Berio,
oltre al Concerto per piano e orchestra. Sono brani composti con il metodo aleatorio e che possono essere suonati separatamente, ma anche assieme come tre strati di una composizione più complessa. La scelta spetta all’interprete, cui Cage nella sua musica ha affidato un ruolo centrale anche grazie alla sua invenzione dello happening: è il caso di Variations I-V e i Song Books. Ed è in questo spirito che oltre alla musica e alla presenza della danza Per John Cage
prevede la lettura di liriche di Charles Olson, Robert Duncan, Robert Creely, Denise Levertov: si tratta di alcuni dei Black Mountain poets che assieme a Merce Cunningham, Robert Rauschenberg e Cage diedero vita ai primi happening. All’ultimo anno di vita di Cage appartiene invece Four6, un esempio di sapiente anarchia musicale che lascia agli interpreti una grande libertà, e tra i tanti eseguito anche dai Sonic Youth.

Fonte foto

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy