• Google+
  • Commenta
7 settembre 2012

Ecco il piano Draghi

Le borse salgono e lo spread scende. I mercati prendono bene le dichiarazioni di Mario Draghi sulle operazioni che la Bce metterà in atto per difendere l’euro. OMT, (Outright Monetary Transactions) è il nome del nuovo piano: la banca centrale si impegna ad acquistare, potenzialmente senza limiti, tutti i titoli da 1 a 3 anni degli stati che richiederanno l’assistenza finanziaria dell’Europa.

Per bilanciare l’imponenza dell’impegno assunto la Bce richiederà condizioni più stringenti agli stati, avvalendosi dell’aiuto dell’Fmi nelle operazioni di controllo. In caso di mancato assolvimento degli impegni richiesti, la banca centrale conserva l’opzione di bloccare gli aiuti, mantenendo una posizione di completa indipendenza.

Mantenere i rendimenti dei titoli bassi è quindi il primo passo per sistemare i bilanci degli stati in difficoltà e tornare a crescere. Ovviamente questa linea difensiva protegge solamente nei confronti della quota di spread dovuta alle speculazioni, la parte restante dovrà essere combattuta andando ad incidere sui fondamentali economici degli stati. Almeno in un primo momento il controllo si concentrerà sull’attuazione delle misure già varate, le altre condizioni dovranno essere decise in sede di contrattazione.

In Germania, i conservatori, stampa in testa, hanno protestato contro “l’italianizzazione” della Bce gestione Draghi. La Merkel, senza cedere alle pressioni politiche, ha messo in rilievo la forza e l’indipendenza della banca centrale, ponendo poi l’accento sulla serietà dei controlli e sulla necessità di sterilizzare la liquidità emessa, per evitare effetti inflazionistici.

A questo punto la palla passa ai paesi in difficoltà, in particolare alla  che dovrà decidere se richiedere e a quali condizioni, gli aiuti promessi.

 

Fonte foto:http://www.ansa.it

Google+
© Riproduzione Riservata