• Google+
  • Commenta
11 settembre 2012

Festival MITO, incontro su Mozart e la Sindrome di Tourette

Si terrà oggi pomeriggio la serie di incontri su Mozart e le relazioni esistenti tra i meccanismi del nostro cervello e l’ascolto, la composizione e l’esecuzione musicale, organizzati nell’ambito del Festival “MITO Settembre Musica”, in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano, l’Università LUdeS di Lugano, l’Azienda ospedaliera Niguarda Ca’ Granda e l’Istituto Neurologico Carlo Bresta.

Il Festival, giunto alla sua sesta edizione, prende il nome dalla collaborazione tra l’Università di Milano e quella di Torino al fine di promuovere e diffondere le innovazioni e la cultura artistica e musicale, rendendole non più patrimonio di un ristretto circuito di appassionati, ma accessibili al grande pubblico.

Anche quest’anno, il programma del Festival si presenta particolarmente ricco di appuntamenti, pensati per attirare un gran numero di interessati, proponendo un’offerta musicale di qualità e diversificata per epoche e generi.

Dal 5 al 23 settembre, infatti, le città di Milano e Torino diventeranno teatro dell’esibizione di oltre 4.000 artisti per un totale di 190 eventi, in parte gratuiti e in parte fruibili a prezzi modici, che riguarderanno la musica classica, il jazz, la musica popolare, i cantautori italiani e la musica della tradizione di altri paesi, come Marocco e Romania.

L’evento su Mozart e le relazioni tra musica e cervello sarà articolato in quattro incontri, che prenderanno il via alle ore 14.00 presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Milano con la conferenza intitolata “Perché ancora una giornata su musica e cervello, perché Mozart”, che verrà introdotta da Francesco Micheli, vicepresidente del Festival, e Giovanni Broggi, neurochirurgo dell’Istituto Carlo Bresta, e si chiuderanno con il concerto, alle ore 21.00, dell’Orchestra Cantelli, diretta dal Maestro Mattia Rondelli.

Si esibirà anche il Ghislieri Choir, che verrà diretto dal Maestro Giulio Prandi e godrà dell’accompagnamento al pianoforte di Alessandro Marangoni. Da segnalare, infine, la presenza dello scrittore Vincenzo Cerami.

La decisione di organizzare questa giornata deriva dalla volontà di approfondire l’ipotesi, formulata da alcuni psichiatri negli anni Ottanta, che Mozart fosse affetto dalla cosiddetta Sindorme di Tourette, un disturbo neurologico caratterizzato dallo sviluppo nel soggetto di tic nervosi, fisici e vocali, che possono verificarsi in modo passeggero o cronico, la cui gravità può variare dai casi più lievi a quelli invalidanti, e dell’irrefrenabile bisogno di pronunciare parole oscene.

Scienziati, scrittori e studiosi di musica, dunque, sono pronti a discutere del tema. L’ingresso, per tutti e quattro gli eventi, è gratuito. Maggiori informazioni sul sito http://www.mitosettembremusica.it/.

Immagine tratta dal sito http://massengale.typepad.com/venustas/images/mozart.jpg

 

Google+
© Riproduzione Riservata