• Google+
  • Commenta
24 settembre 2012

Finalmente, Radiohead!

 Il sogno di quasi centomila persone, provenienti dall’Italia, dall’Europa e da tutto il mondo, di vedere i Radiohead dal vivo in Italia a quattro anni dagli ultimi concerti è diventato finalmente realtà.

Dopo aver fatto tappa in Svizzera giovedì sera, il tour dei Radiohead è sbarcato ieri sera sul suolo italiano per il primo dei quattro esclusivi appuntamenti, con tutta la magia delle musiche della band di Oxford, una delle più importanti e influenti degli ultimi 25 anni.

Con “Lotus Flower” si è aperto il primo attesissimo show italiano ieri sera all’Ippodromo delle Capannelle a Roma davanti a 25 mila persone in totale visibilio. Il tour prosegue oggi a Firenze, martedì a Bologna e mercoledì 26 settembre nell’affascinante e maestoso complesso storico di Villa Manin a Codroipo (Udine).

Per i ritardatari, gli ultimi biglietti (ingresso unico 50 euro più diritti di prevendita) sono ancora disponibili online su ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati (www.azalea.it per il concerto del 26 settembre a Codroipo).

Una imponente scenografia costituita da 12 schermi mobili e un muro luminoso composto da bottiglie di plastica riciclata  proiettano le immagini del gruppo e amplificano i giochi di luce, facendo da sfondo alle esibizioni della band nella sua formazione originaria: Thom Yorke alla voce, Jonny Greenwood alla chitarra, Ed O’Brien alla chitarra ritmica, Colin Greenwood al  basso e Phil Selway alla batteria, a cui si aggiunge dal vivo il secondo batterista Clive Deamer, già dei Portishead.

Sul palco, insieme ai sei musicisti sarà presente tutta la strumentazione classica del rock (chitarre acustiche, elettriche, pianoforte, tastiere batterie, percussioni) e quella tipica dell’elettronica: sintetizzatori e altri strumenti digitali, sia modernissimi che vintage, fondamentali per creare, mescolare e distorcere voci e suoni.

Assieme ai RADIOHEAD, sono arrivate in Italia anche una serie di iniziative legate alla salvaguardia dell’ambiente, causa a cui da sempre la band è estremamente attenta: su tutte, l’invito a tutti i fan presenti, a firmare la petizione per la campagna di Greenpeace “Save The Artic”, contro le trivellazioni selvagge e la pesca industriale attorno al Polo Nord.

Ad aprire i concerti il supporter d’eccezione Caribou, pseudonimo di Daniel Victor Snaith, deejay, musicista compositore: uno degli artisti di punta della scena electro internazionale.  Canadese, e già noto ai fan dei Radiohead per il remix di “Little by Little”, si presenta dal vivo con una band di 4 musicisti.

Per lo straordinario appuntamento in programma mercoledì 26 settembre a Villa Manin, che richiamerà migliaia di spettatori da tutta Italia e dall’estero, ricordiamo che grazie al supporto del principale gestore del trasporto pubblico friulano SAF Autoservizi FVG sarà garantito il servizio intensificato di trasporto pubblico denominato “AL CONCERTO SICURO IN BUS” per raggiungere Villa Manin dalla Stazione Ferroviaria di Codroipo (fermata Piazza Giardini) e dall’autostazione di Udine. Al termine del concerto il servizio proseguirà nel senso inverso fino a esaurimento degli utenti presenti. Il costo del biglietto a/r da Codroipo costerà 2,20 euro e da Udine € 5,80.

Per maggiori informazioni sugli orari http://www.azalea.it/Pdf/VMradiohead.pdf

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy