• Google+
  • Commenta
4 settembre 2012

Francia, o l’incubo degli alloggi universitari

Oltre un milione di studenti in Francia si troveranno all’inizio di un nuovo anno accademico alle prese con difficoltà di alloggio. Infatti, degli oltre 2 milioni di studenti iscritti ad un’Università in Francia, è stato stimato che circa 700.000 vivono in famiglia, 165.000 possono usufruire di un alloggio fornito dal CROUS e 315.000 vivono presso residenze o alloggi privati.

In un contesto politico in cui sia il precedente governo che l’attuale avevano promesso un impegno tangibile ed economico, i risultati sono ad oggi insoddisfacenti: rispetto al rapporto di Jean-Paul Anciaux del 2004 al Parlamento Francese, solo 22.600 alloggi su 40.000 previsti sono stati costruiti e 31.000 sono stati rinnovati rispetto ai 56.000 pianificati. Inoltre, solo l’8% degli studenti può beneficiare degli alloggi forniti dal CNOUS, l’agenzia nazionale responsabile per gli alloggi studenteschi, e le sedi distaccate regionali del CROUS.

In linea con il Presidente François Hollande, che aveva previsto in campagna elettorale la costruzione 40.000 alloggi entro 5 anni, il Ministro dell’Istruzione Geneviève Fioraso ha promesso la formazione di un tavolo tecnico insieme agli operatori sociali e locali e le autorità regionali, le quali, secondo il Ministro, “hanno contribuito sostanzialmente ai finanziamenti previsti dal precedente governo ma non hanno ancora visto risultati”.

Intanto, questa situazione ha fatto si che si sviluppasse un nuovo settore commerciale, quello delle agenzie private che si occupano di alloggi studenteschi, proponendo spazi in media più angusti e a prezzi maggiorati rispetto alla media nazionale. Secondo una stima di FAGE, un’organizzazione studentesca, le spese di alloggio rappresentano circa la metà del budget per gli studenti fuorisede.

Da una recente inchiesta promossa da UFC-Que choisir, un’associazione a difesa dei diritti dei consumatori, diverse agenzie private sfruttano la situazione a scapito di malcapitati studenti fuorisede e spesso studenti stranieri, percependo alti costi di registrazione senza alcuna garanzia di riuscita. A seguito di questa inchiesta, 13 agenzie sono state denunciate sul territorio nazionale per frode, ove dette agenzie mascheravano il loro profitto con un servizio non all’altezza: senza alcuna ricerca personalizzata, spesso le liste di alloggi fornite corrispondevano ad annunci trovati su giornali locali, con notizie incerte e prezzi alterati rispetto al mercato degli alloggi.

fonte immagine: http://www.estudines.com

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy