• Google+
  • Commenta
21 settembre 2012

Il Circolo degli Artisti ricorda Pasolini

Roma e Pier Paolo Pasolini: un nucleo vibrante di questioni irrisolte che senza dubbio va ben aldilà della semplice questione artistico-cinematografica. Il 2 Novembre 1975 la morte di Pasolini, trovato morto sul litorale di Ostia, ha lasciato una serie di dubbi e perplessità ma, ben oltre la sua morte, vive un ricordo imperituro non solo della capitale ma che si estende anche aldilà dei confini italiani.

Avrebbe compiuto 90 anni proprio nel 2012 e, per ricordarlo, il Circolo degli Artisti propone la rassegna “Genius Loci. Pasolini per esempio…”. Si tratta di creare un percorso per riassaporare le suggestioni dei luoghi di Roma vissuti e rielaborati dall’artista, partendo proprio dalla sua amata periferia che attraversa il Pigneto, Tor Pignattara, il Mandrione, Certosa e Don Bosco. Quartieri che si sono evoluti e trasformati (ad esempio ad oggi il Pigneto è una zona abitata da una grande quantità di studenti universitari e sempre più frequentemente animata dalla movida notturna) ma che non hanno perso quella intrinseca perifericità rispetto al centro di Roma.

Da giovedì 27 a domenica 30, il Circolo degli Artisti utilizzerà dunque i suoi spazi per creare una sorta di happening multi-disciplinare, una concentrazione di poesia, musica, fotografia e cinema senza tralasciare omaggi legati alla più recente arte digitale. Ogni strumento artistico sarà dedicato pienamente a omaggiare Pasolini, la sua vita e il suo iter artistico.

Un momento per riflettere anche sull’emarginazione, sia sociale che culturale, per ripensare al concetto di urbanicità alienante, per assimilare le stratificazioni che il tessuto urbano naturalmente impone ma che pure potrebbero sicuramente essere affievoliti.

Scrittori e giornalisti saranno ospitati dalla rassegna (Giorgio Manacorda, Fulvio Abbate, E. Trevi, il giovanissimo T. Giagni) senza dimenticare le band (le romanissime “Orchestraccia”, “Il muro del Canto”, “Operaja Criminale” e “Bamboo”), gli attori, gli artisti di arte digitale e fotografia e i personaggi che hanno vissuto o tuttora vivono l’ambiente descritto (Remo Remotti e Tarzanetto per esempio), che parteciperanno alla quattro giorni di fine settembre.

Alle mostre e alle esposizioni si accompagneranno suoni, fotografie e installazioni multimediali. Di particolare rilievo sarà sicuramente l’installazione multimediale di H501L. L’ambiente stesso del Circolo si trasformerà in un polo di suggestione e fascinazione dedicato alla pasoliniana memoria.

Pasolini, dunque, supera la sua stessa morte e conferma ancora una volta che il suo messaggio è ancora vivo e vitale.

Fonte Foto

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy