• Google+
  • Commenta
16 settembre 2012

“L’avvenire” della iPhone generation

IPhone, iPad, iMac, iPod. Non si sente dire altro in giro. Questo sia nel bene, con milioni di appassionati che farebbero di tutto per avere uno dei gioiellini Apple, sia nel male, con altrettanti detrattori delle compagnia di Steve Jobs che proprio non ci stanno a questo monopolio tecnologico che sta sempre più diventando una filosofia di vita.

Avere uno di questi aggeggi significa, oggigiorno, essere “In”, alla moda e al passo con i tempi. Ed è per questo che la crisi economica che non riesce a placare la corsa all’ultimo ma uguale al precedente modello, si trasforma in una profonda crisi di valori che investe giovani e adulti in egual modo.

Se ne sono accorti anche all’Avvenire, importante giornale cattolico, che ha pubblicato a riguardo un interessante articolo di cui riportiamo uno stralcio: «dispositivi come il nuovo iPhone sembrano realizzare il sogno prometeico di un controllo della realtà attraverso la tecnologia».
E questo comporta che «in un mondo in cui il pensiero dominante tende a rifiutare la religione in nome della ragione, paradossalmente» i nuovi dispositivi «riaccendono la fiducia nella magia: come la bacchetta magica (un tipico dispositivo touch, estensione del braccio umano) era in grado di produrre immediatamente apparizioni, trasformazioni, eliminazioni, così lo smartphone, protesi ubiqua e sempre attiva, sempre più leggera e maneggevole e quasi trasparente, ci consente di azzerare l’intervallo tra desiderio e realizzazione».

A ciò, con cui nessuno di noi dovrebbe discordare, è importante aggiungere un dettaglio fondamentale: il cellulare ha, con l’arrivo degli smartphone, perso del tutto la sua funziona di telefono, diventando un’agenda, una mappa, un computer, una fotocamera e chi più ne ha più ne metta, ma molto spesso anche “un amico” e una prigione virtuale che toglie spazio al lavoro e ai rapporti umani reali.
Questo è quanto emerge dall’osservazione e i dati di vendita della “nuova” versione dell’IPhone non fanno che confermarlo.
Tutto esaurito per L’iphone. Tutti esauriti per l’iPhone 5, un cellulare di 750 euro dal vetro fragile come un cristallo che, oramai, non si possiede senza esserne, almeno in parte, posseduti.

Fonte foto

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy