• Google+
  • Commenta
2 ottobre 2012

Demolito a Milano il Palalido, al suo posto il Pala AJ

Con tre mesi di ritardo sono iniziati i lavori di demolizione del Palalido a Milano. Al suo posto verrà costruito il Pala Aj, campo di casa dell’Olimpia Milano, targata Armani.

Inizialmente si pensava ad una ristrutturazione del palazzotto, in realtà si è capito ben presto che sarebbe stata una demolizione con riedificazione da zero.

Milano perde un luogo storico dello sport e della musica dal vivo, ma ci sono speranze per la nuova struttura.

La consegna ufficiale dovrebbe essere a gennaio, ma con i ritardi accumulati, sarà spostata più avanti (difficile infatti costruirla in 4 mesi).

Il Pala AJ sarà un mega impianto che darà nuovo smalto alla zona, dove, per altro, si trova già l’enorme impianto dell’Ippodromo; avrà, infatti, una superficie di 4.950 mq e un parterre di 5.420 spettatori nella configurazione di massima capienza e un campo di gioco che può variare da 26,50 x 40mt a 20,50 x 40 mt. Questa variabilità è dovuta alla realizzazione di due tribune amovibili (una per ogni lato) che consentiranno di ampliare il parterre durante le partite di livello internazionale per ottenere le misure necessarie del campo.

La copertura, sferica, sarà in acciaio e policarbonato, il terreno di gioco avrà un nuovo parquet. Già definita un’astronave perfettamente inserita nell’ambito urbano. E potrà ospitare non solo il basket, ma anche pallavolo, ginnastica, tennis, boxe, calcio a 5, danza, convention  e concerti (sperando in una migliore acustica di quella del precedente PalaLido).

Al progetto partecipa Giorgio Armani che, durante la conferenza stampa, si è mostrato particolarmente felice della sponsorizzazione. Così come si dimostrano felici i tifosi della squadra, che non dovranno più dividersi con l’impianto di Assago, ma potranno avere una sede definitiva. Tra questi, però, non manca qualche nostalgico, a cui spiace vedere raso al suolo la sede storica della squadra, quando Milano era in cima al basket italiano.

 Fonte foto

 

Google+
© Riproduzione Riservata