• Google+
  • Commenta
3 ottobre 2012

Scossa a Piacenza e in Emilia Romagna di magnitudo 4.5

Scossa a Piacenza e in Emilia Romagna
Scossa a Piacenza e in Emilia Romagna

Scossa a Piacenza e in Emilia Romagna

Ieri pomeriggio è stata percepita una scossa di terremoto nella zona della valle del Trebbia e a sud di Piacenza. Erano le 16:40 circa quando, per migliaia di emiliani sembrava essersi risvegliato l’incubo del terremoto, stavolta per fortuna senza alcune conseguenze per cose e persone.

La scossa, di magnitudo 4.5 gradi della scala  Richter, è stata avvertita lungo l’Appennino Piacentino, nelle vicinanze dei paesi di Bettola e Morfasso a pochi chilometri da Piacenza.

L’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha riscontrato che l’epicentro è stato a oltre trenta chilometri di profondità, proprio per questo il sisma è stato percepito chiaramente in parte della Lombardia (avvertita anche a Milano), Toscana, Liguria e in Trentino. La scossa è stata avvertita molto bene anche nel modenese e in molti dei paesi limitrofi colpiti dal violento terremoto del 20 maggio di quest’anno, che non vedono ancora dileguarsi il fantasma del terremoto che ha provocato 27 vittime e causato gravi danni alle costruzioni e all’economia della regione.

Quest’ultima scossa però sembra non aver causato alcun danno, anche se gli accertamenti stanno continuando, con un occhio di riguardo alle chiese e agli edifici storici già danneggiati.

Alla prima scossa di assestamento si sono susseguite – come spesso accade – altre  tre scosse più lievi; nella mattinata del 3 ottobre invece la terra ha tremato nelle vicinanze di Cuneo, con un magnitudo di 3.9 gradi.

Molti emiliani sfollati, che ancora oggi vivono nelle tende della protezione civile, hanno cercato conforto scrivendo su Facebook e Twitter, sfogando tutta la loro angoscia e  dichiarando la loro paura per altre eventuali scosse, perché il  ricordo è ancora inesorabilmente vivo nelle loro menti. Speriamo che presto possano tornare a pronunciare la parola “casa” e ritornare alla vita prima di quel 20 maggio.

Google+
© Riproduzione Riservata