• Google+
  • Commenta
10 novembre 2012

Costruita in Abruzzo la prima scuola con le nuove “regole sismiche”: parla il Preside Maurizio Paolillo

Una bellissima notizia: a Civitella del Tronto, precisamente nella località Favale di Civitella, è stata appena inaugurata una scuola elementare. Detta così non sarebbe poi una grande notizia: ciò che la rende una notizia importante è che si tratta della prima scuola costruita in Abruzzo, in seguito al terremoto dell’Aquila, rispettando la normativa in vigore dal 2011 che prevede requisiti tecnici più rigidi per gli edifici che saranno costruiti nelle cosiddette “zone sismiche”.

Sentiamo il Preside della scuola Maurizio PaolSulle sulle nuove regole sismiche.

Preside, ci racconti la nascita di questa scuola.

Questa scuola è un vero miracolo: pensate che i lavori per la sua costruzione sono cominciati solamente nel marzo scorso. In pochi mesi è stata tirata su una scuola nel rispetto della normativa oggi in vigore sulla costruzione di scuole in zone sismiche. Il costo totale della scuola è stato di circa 500.000 euro, dei quali circa 400.000 sono stati stanziati dalla regione Abruzzo. Non è stato preso nuovo spazio perché la scuola è stata realizzata abbattendo quello che era il preesistente prefabbricato”.

Ci può dire qualche particolarità di questa scuola?

Beh, un punto di fondamentale importante è che la scuola è completamente autosufficiente dal punto di vista energetico. In più parti, infatti, sono stati installati dei pannelli fotovoltaici e sono stati realizzati numerosi interventi dal punto di vista dell’efficienza energetica grazie ai finanziamenti derivanti dal Patto dei Sindaci”.

Come si chiamerà questa scuola?

Abbiamo pensato a tanti nomi, ma poi alla fine ci è sembrato giusto far decidere il nome della scuola a chi in prima persona vive quotidianamente la scuola stessa: gli studenti. Per questo abbiamo che saranno tutti gli studenti, attraverso uno studio della storia del nostro territorio locale, a trovare un nome che si adatti al meglio a questa nuova realtà scolastica”.

Un esempio di come le cose, se si vogliono fare, si fanno. Si tratta di una questione di volontà. Questi alunni ora studieranno in una scuola sicura dal punto di vista sismico. Tutti gli studenti dovrebbero studiare in scuole del genere. Forse un giorno questo sogno si avvererà. Intanto si è cominciato: bene così.

Fonte foto

Google+
© Riproduzione Riservata