• Google+
  • Commenta
15 maggio 2013

Google WhatsApp. Google compra whatsapp: offre 1 milione di dollari, arriva la smentita

Google Legalize love

Da settimane si susseguono indiscrezioni e rumors sulla presunta volontà di acquisizione del servizio di messaggistica più diffuso al mondo da parte del colosso di Mountain View per la “modica” cifra di un milione di dollari.

Google WhatsApp

Google WhatsApp

In principio ci furono gli sms a farla da padrone, oggi lo Short Messages Service è sulla via del tramonto surclassato e superato dalle innumerevoli applicazioni di messaggistica pensate per i più o meno tecnologici smartphone.

Con l’arrivo della tecnologia VoIP, che permette le telefonate attraverso la linea internet, nulla è stato più come prima, nascono Skype, Viber, Indoona tutti software che permettono chiamate gratuite attraverso la rete internet.

Ma tutto ciò non è abbastanza veloce, comodo e soprattutto “smart” di qui la nascita di programmi o applicazioni dedicati alla messaggistica istantanea, insomma arriva sui mercati e sui cellulari di ultima generazione WhatsApp, l’applicazione di messaggistica multipiattaforma (totalmente gratuita, almeno per il primo anno di utilizzo) più scaricata e utilizzata al mondo.

WhatsApp permette non solo lo scambio di messaggini ma anche di immagini, piccoli file audio e video, contatti dalla rubrica e rilevamenti della propria posizione.

Una vera e propria gallina dalle uova d’oro tanto che nel dicembre del 2012 il traffico di messaggini è arrivato a 18 miliardi di messaggi scambiati. Fin qui tutto normale se non per il fatto che già nei mesi scorsi i big del settore hanno cominciato a guardarsi intorno e a cercare di acquisirlo, primo tra tutti Mark Zuckerberg. Il papà di Facebook nei mesi scorsi sembrava seriamente intenzionato ad acquistare WhatsApp ma poi non se ne fece più nulla.

Recentemente secondo i soliti ben informati ci sarebbe una nuova offerta per la app di messaggistica.

Google, altro grande colosso della tecnologia, sembra sia interessato ad acquistare WhatsApp e sembra abbia messo sul tavolo delle trattative ben un milione di dollari.

Gli hi-tech addicted rimarranno spiazzati in quanto sapranno benissimo che Google possiede già un proprio software per la messaggistica, Google Talk, che però resta una semplice chat.

L’azienda di Mountain View ha quindi pensato a un nuovo software, Huddle, completamente integrato in Google+ (il social network di Google che stenta a ingranare), e che successivamente è stato poi proposto anche per i cellulari Android.

Non è finita qui! Basta un click e con l’aggiornamento 1.0.7 di Google Plus, Huddle diventa un vero e proprio Messenger per Android con la possibilità, quindi, di inviare oltre ai semplici messaggini anche dei file. A differenza di WhatsApp, che genera una lista di “amici” dai numeri di telefono contenuti in rubrica, il Messenger utilizza i contatti nelle varie cerchie di Google+.

Nonostante ciò Google non è riuscita a sfondare con i servizi di messaggistica tanto che ci riprova! Proprio per questo mese è stata annunciata l’uscita di Babel, un nuovo software che permetterà lo scambio di messaggini.

E’ facile pensare che tutti rumors e le notizie che girano in questo periodo su una presunta acquisizione di WhatsApp siano segnali della volontà di Google di dominare una volta per tutte il mercato della messaggistica istantanea. Comprando WhatsApp, Google avrebbe una solida base per sviluppare nuove applicazioni di questo tipo ma soprattutto avrebbe finalmente tutto ciò di cui ha bisogno per far decollare finalmente il suo social network.

Puntuale in queste ore arriva però la smentita di WhatsApp Inc. che, attraverso Neeraj Arora, business development di WhatsApp, ha dichiarato a All Things Digital:

“WhatsApp Messenger non è in vendita e non stiamo discutendo con Google”. Quindi addio sogni di gloria per Google, WhatsApp rimarrà indipendente, almeno fino alla prossima offerta!

Google+
© Riproduzione Riservata