• Google+
  • Commenta
5 agosto 2013

Università a numero chiuso. News sul numero chiuso e bonus maturità

In questo scenario di impoverimento progressivo del Comparto scuola, e in particolare nella paralisi funzionale dell’Università, sono soprattutto le generazioni più giovani a perdere per strada interi pezzi di futuro

Test Medicina e Numero Chiuso

Test Medicina e Numero Chiuso

Le Università in sofferenza, il precariato negli atenei, il numero chiuso delle facoltà, le emergenze dell’edilizia e della sicurezza scolastica, la necessità di riformare strumenti come gli stage e i tirocini, il placement post-laurea ecc non sono che i segnali più vistosi di un arretramento economico e sociale giunto oggi ad intaccare il giacimento più prezioso del pianeta istruzione, vale a dire quelle risorse di capitale umano che più di tutto non ha saputo valorizzare: i giovani.

Temi come il numero chiuso, l’abbattimento delle barriere e delle sanzioni ai fuoricorso, il turismo scolastico ecc, sono solo alcune delle problematiche che meglio ci raccontano la crisi della nostra Università, sempre più bisognosa di un assetto che le garantisca maggiore stabilità e tutela.

Criticità che minano alla ridice ogni prospettiva di sviluppo del nostro Paese, complici i noti limiti interni al sistema formativo e universitario, l’altrettanto notoria mancanza di una politica per la ricerca all’altezza delle sfide e le deroghe sempre più insistenti e traumatiche al diritto allo studio, mai così coartato da interventi legislativi e governativi come in questi ultimi anni.

Crisi che il Ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza, seppur  escludendo una vera e propria riforma a suo nome, si è impegnata a risolvere attraverso una serie di norme da inserire in un programma di lungo termine. Obiettivo: riportare al centro il diritto allo studio e il lavoro.

Numero chiuso e test d’ingresso per migliorare l’inserimento post-laurea –  “E gli interventi in questa direzione non mancheranno, – promette il Ministro Carrozza. A partire dalla questione del numero chiuso e dei test d’ingresso. Perché rientra in una logica Paese di immissione sostenibile alla professione e di equilibri di mercato, occorrerà riformare l’accesso alle facoltà migliorando la spendibilità delle nostre lauree.  Scartata dunque l’ipotesi che proponeva il posticipo dei test d’ingresso alla fine del primo anno – “sarebbe un anno sprecato in qualche modo”,- il commento del Ministro Carrozza, si sta studiano la possibilità di fissare le prove di ammissione ai corso di laurea prima dell’esame di maturità, come già accade in diversi Paesi d’Europa.

I test a settembre, secondo il Ministro, sarebbero in ritardo rispetto ai tempi delle università europee. Gli studenti vanno preparati per tempo alle scelte universitarie. Per il 2014 il Miur sta, perciò, lavorando ad un’ipotesi di anticipazione dei test d’accesso ad aprile.

Il numero chiuso e il bonus maturità. Le ultime novità – Decisioni che comporteranno un’inevitabile ridefinizione del chiacchieratissimo Bonus maturità (oggi chi prende almeno 80 centesimi all’esame di Stato ha diritto a un premio tra i 4 e i 10 punti destinato a formare il voto per l’accesso alla facoltà), che ne riduca l’impatto e lo renda più equo. In altre parole, si fa salvo il punteggio, con la differenza che la media dei voti non sarà più tarata sullo specifico istituto scolastico, ma sulle singole commissioni. Si terrà, inoltre, conto del voto di maturità, mentre si abbandonerà il riferimento ai voti dell’anno precedente a quello dell’esame.

Al fine di avere, una panoramica più netta e completa sulla questione numero chiuso e sulle ultime novità in materia di numero chiuso universitario e bonus maturità, abbiamo raccolto il parere del Sottosegretario all’Istruzione Marco Rossi Doria.

Protesta Studenti

Protesta Studenti

Sottosegretario, si è discusso animatamente circa l’utilità dei test d’ingresso alle facoltà. Qual è la sua opinione in merito al numero chiuso all’università? In un futuro molto prossimo il test di accesso sarà anticipato ad Aprile. Ci aiuti a spiegare il perché.

“Personalmente mi occupo di scuola e nello specifico delle deleghe in materia che il Ministro Carrozza mi ha assegnato. Devo dire che non ho un’opinione strettamente definita sulla questione numero chiuso e dei test d’ingresso e so che in altri Paesi utilizzano sistemi diversi dal nostro, ad esempio esami a sbarramento al termine del primo anno. Ma queste riforme richiederebbero un periodo lungo di dibattito e di gestazione. L’anticipo dei test ad aprile inizierà dal 2014: c’è tempo per adeguare il sistema e per riflettere sull’insieme delle regole. Una commissione apposita è stata costituita per ragionare sulla questione del bonus e sul rapporto tra l’esame di maturità e i test di accesso all’università. Credo che si andrà comunque nella direzione di coniugare le esigenze organizzative delle facoltà universitarie con uno svolgimento sereno del quinto anno delle superiori.

L’esame di maturità è un esame importante, con una forte valenza simbolica nella vita di ogni ragazzo. E’ un rito di passaggio che è giusto che abbia la sua importanza.”

In collaborazione con Matteo Napoli

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy