• Google+
  • Commenta
9 Febbraio 2016

Storia delle Foibe: cosa sono, riassunto “Giorno del Ricordo”

Storia delle Foibe
Storia delle Foibe

Storia delle Foibe

Il 10 Febbraio è la data in cui si celebra la giornata del ricordo per non dimenticare la storia delle Foibe: ecco cosa sono, riassunto in breve del giorno del ricordo.

La storia delle foibe è quella che si consumò tra il 1943 ed il 1945. Sono ricordate ogni anno in Italia il 10 Febbraio, Giornata del ricordo. Per comprendere cosa sono, bisogna ricordare in breve quali sono i fatti che portarono al compimento di questo eccidio.

La storia delle Foibe e le cause che determinarono questo evento affondano le radici ai primi anni del Novecento. Innanzitutto bisogna precisare cos’è il giorno del ricordo, ossia delle cavità carsiche. Spaccature naturali del terreno localizzate presso le montagne del Carso, in Friuli. Ma cosa si ricorda il 10 Febbraio?

Tra il 1943 ed il 1945 furono gettate in queste fosse, migliaia di uomini, donne e bambini.

Per comprendere i motivi, bisogna fare un passo indietro, ed inquadrare le situazione politica dell’Italia nei primi anni del 1900.

Storia delle foibe: riassunto in breve e sintesi storia e cause di questo giorno del ricordo

Citazioni Frasi Aforismi sul Giorno del Ricordo e della Memoria << scarica

All’inizio del XX secolo nel Friuli convivevano numerose persone di etnie diverse. Italiani, croati, serbi, sloveni. Il processo di nazionalizzazione impose che in queste determinate zone dell’Italia venisse parlata soltanto la lingua italiana in pubblico. Che le persone slave che vivevano nel territorio italiano, mutassero i loro cognomi in altri di origine sempre italiana.

Le imposizioni fasciste del 1922 alimentarono un diffuso malessere tra gli stranieri che abitavano il Friuli e gli altri territori dell’Italia. Pertanto iniziarono a formarsi delle vere e proprie organizzazioni antifasciste, appartenenti ale regime social-comunista.

La storia delle foibe ha origine proprio nel fallimento di queste politiche di integrazione imposte agli slavi. Che invece iniziarono a coltivare un profondo odio nei confronti dello Stato italiano. Quando la Germania attaccò la Jugoslavia, divise i territori conquistati tra Italia e Germania.

Le organizzazioni si ribellarono, e lo Stano italiano fece costruire dei campi di lavoro dove venivano detenuti gli oppositori al regime. Il 3 settembre del 1943 l’Italia firmò segretamente un armistizio con gli Alleati. Diffuso da Badoglio solo l’8 Settembre. Si creò pertanto un vuoto di potere. Le organizzazioni comuniste slovene e croate iniziarono ad avere sempre più forza e controllo dei territori in cui risiedevano.

Giorno del ricordo: le cause dell’eccidio

Le vicende che seguirono determinarono che il numero di vittime  cxdiventasse sempre più alto. In Istria e in Dalmazia i partigiani slavi si vendicano e gli italiani non comunisti. Torturano, massacrano, affamano e poi gettano nelle fosse circa un migliaio di persone. Ancora oggi non si sa con sa con esattezza quante furono le vittime. Date le difficoltà di rinvenire i corpi all’interno delle voragini. Nella primavera del 1945, quando la Jugoslavia guidata dal Maresciallo Tito occupa Trieste, Gorizia e l’istria, ci furono numerose vittime italiane.

Secondo la storia del giorno del ricordo, furono infoibati non solo fascisti, ma anche cattolici, liberaldemocratici, socialisti, donne e bambini. Molti innocenti furono massacrati, giustiziati, ed infine gettati nelle fosse carsiche, destinati pertanto a morte certa.

I martiri rappresentano le vittime di un genocidio voluto da Tito per liberare i territori della Jugoslavia da coloro i quali non erano comunisti.

Nella primavera del 1947 è stabilito il confine fra l’Italia e Jugoslavia, con la fine della II guerra mondiale, l’Istria e la Dalmazia vengono cedute alla Jugoslavia. L’Italia non accoglie o aiuta trecentocinquantamila profughi che scappano dalla Jugoslavia comunista alleata con l’uRSS.

Google+
© Riproduzione Riservata