• Google+
  • Commenta
16 gennaio 2017

Bonus mamma domani 2017: come e quando inviare la domanda Inps, requisiti

Bonus mamma domani 2017
Bonus mamma domani 2017

Bonus mamma domani 2017

Novità bonus mamma domani 2017: come e quando inviare la domanda Inps, requisiti e reddito per ottenere l’assegno per le mamme future.

Nel testo della Legge di Bilancio 2017 sono previste diverse agevolazioni e contributi alle famiglie.

In particolare, per le donne incinte del 2017, è previsto un premio alla nascita. L’assegno per le future mamme potrà essere richiesto all’Inps attraverso un’apposita domanda online.

Questa agevolazione, che prende il nome di bonus mamma domani 2017, non prevede particolari requisiti ISEE.

Inoltre si tratta di un aiuto una tantum. Cioè di un contributo non rateizzabile e che sarà versato in un’unica soluzione A chi inoltrerà la domanda Inps.

I requisiti del bonus mamme 2017 saranno indicati in maniera ufficiale tra qualche settimana.

Infatti, il ministro della Famiglia Enrico Costa ha dichiarato che a breve il sito dell’Inps potrà farsi carico delle domande. E procedere all’erogazione dell’assegno per donne incinte nel 2017.

L’importo del bonus mamme domani è di 800 euro. La platea delle aventi diritto è molto ampia. Infatti il Ministro Costa ha pensato di aiutare le famiglie che decidono di avere un bambino fin da prima della nascita. Ma questa volta si superano quindi le limitazioni imposte dal bonus bebè, il contributo di 80 euro mensili previsto fino al compimento dei tre anni del bambino.

A poter beneficiare del sostegno dello Stato in caso di gravidanza saranno tutte le donne, a prescindere dal reddito e dall’età. Infatti l’unico limite previsto è quello che riguarda l’età gestazionale che deve aver superato il settimo mese. Vediamo nel dettaglio quali sono i requisiti bonus mamme domani. Ma anche quando si può inviare la domanda all’Inps per ottenere l’assegno per le future mamme.

Bonus mamma domani 2017: requisiti, reddito e quando inviare la domanda Inps – scadenza

Negli ultimi anni la forte decrescita demografica ha spinto lo Stato ad incentivare le nascite attraverso aiuti alle famiglie. Durante il Governo Renzi, una delle agevolazioni che ha ottenuto maggior successo è stato il bonus bebè. Ma la platea dei beneficiari all’oggi sembra essere ancora troppo ridotta. E’ per questo motivo che nella Legge di Bilancio 2017 sono state introdotte delle novità, che possano essere di sostegno già prima della nascita del bambino.

Il bonus mamma domani 2017 è destinato a tutte le donne incinte. Si tratta di un assegno di 800 euro che può essere richiesto a partire dal 7° mese di gravidanza. Dal punto di vista medico, i primi mesi di gravidanza sono quelli più a rischio. Studi statistici confermano che il pericolo di interruzioni involontarie di gravidanze dopo il settimo mese si riduce sensibilmente. Quindi tutte le donne in attesa nel 2017 che abbiano raggiunto questa età gestazione potranno beneficiare dell’aiuto.

L’atra importante novità è che non sono previsti limiti di reddito. L’emendamento che proponeva il tetto Isee di 25 mila euro non è stato approvato dalla Camera dei Deputati. Quindi la domanda  potrà essere compilata ed inviata all’Inps a prescindere dall’Isee del nucleo famigliare. Tale soglia di reddito era prevista anche per i voucher asilo nido. Ma in un secondo momento si è deciso di estendere l’agevolazione anche alle famiglie che superano il 25 mila euro di reddito annuale.

Domanda Inps bonus mamma domani 2017: come fare richiesta

Lo scopo del Ministro Costa è quello di fare in modo che le famiglie avvertano che lo Stato è pronto a farsi carico del nascituro già prima della sua nascita. Attraverso il bonus mamme future si vuole sostenere l’incremento delle spese da sostenere in vista dell’arrivo del bambino. Anche per questo molte donne in attesa vogliono sapere quando il bonus mamma domani potrà essere richiesto.

Per il momento sembra che ci vorranno ancora poche settimane prima che la procedura per l’invio dell’istanza venia attivata. Come per il bonus bebè e per il voucher asilo nido, la domanda potrà essere inoltrata in maniera telematica. La procedura potrà essere eseguita in maniera autonoma, attraverso la richiesta del Pin dispositivo Inps.

E’ possibile anche chiamare il numero verde per ottenere maggiori informazioni. O per avere un’assistenza continua durante la compilazione del modello previsto per la richiesta. Oppure è possibile anche avvalersi dell’aiuto di un Caf o di un intermediario abilitato all’invio della domanda.

Google+
© Riproduzione Riservata