• Google+
  • Commenta
7 novembre 2018

Come diventare ostetrica: cosa studiare, quanti anni servono e guadagno

Come diventare ostetrica
Come diventare ostetrica

Come diventare ostetrica

Ecco come diventare ostetrica, fare la libera professione o lavorare in ospedale o clinica ospedaliera: dall’università di ostetricia, abilitante alla professione sanitaria, a quanto guadagna un’ostetrica.

Il lavoro di ostetrica è un’arte antica, in cui passione e professionalità si uniscono. Ma è difficile diventare ostetrica? Quali sono le materia da studiare rispetto a quelle per fare il medico di base? Si trova lavoro come ostetrica? Esistono facoltà di ostetricia a numero aperto? L’ostetrica può fare l’infermiera? Qual è il ruolo dell’ostetrica in ospedale? Queste le domande a cui risponderemo oggi, in questa guida.

La figura dell’ostetrica per una donna è molto importante. Generalmente si pensa che questo tipo di professionista lavori solo ed esclusivamente durante un parto, invece accompagna la paziente fin dal periodo pre-concezionale, seguendo le fasi di travaglio, parto, allattamento e svezzamento.

È una figura di sostegno alla futura mamma, con la quale è possibile affrontare i dubbi e le paure che assalgono soprattutto la donna alle primissime esperienze.

L’attività professionale ed i suoi compiti sono ben delineati nel codice deontologico e nel profilo professionale (DM 740/94), ma quali altre competenze deve avere? 

Questa figura professionale deve:

  • partecipare ad interventi di educazione sanitaria e sessuale sia in ambito familiare che della comunità;
  • assistere alla preparazione psico profilattica al parto;
  • provvedere all’assistenza ad interventi ginecologici;
  • comprendere, con azioni di prevenzione ed accertamento i possibili tumori che possono presentarsi all’interno della sfera genitale femminile;
  • partecipare ai programmi di assistenza materna e neo natale.

Deve inoltre essere in grado di individuare situazioni potenzialmente patologiche che richiedono intervento medico e di praticare, ove necessario, le relative misure di particolare emergenza.

Come diventare ostetrica: cosa studiare, quale laurea e specializzazione serve, ecco come fare

Abbiamo compreso quanto è importante per una famiglia questa figura professionale, e quanto è importante che la neo mamma crei un buon rapporto di fiducia con essa, ma come diventare ostetrica? Quale corsi di laurea bisogna frequentare? Serve una specializzazione in particolare? 

Per poter intraprendere questa professione bisogna inviare richiesta alle facoltà di Ostetricia, le quali, ogni anno, bandiscono i test di ammissione  per poter iniziare a frequentare il corso di laurea in ostetricia.

Superati i test bisogna conseguire il diploma di laurea triennale in Ostetricia ed abilitarsi alla professione attraverso l’iscrizione all’albo degli ostetrici. Importante, ma non obbligatorio è seguire dei master di primo e secondo livello o dei corsi di specializzazione mirati.

Ma quali caratteristiche personali dovrebbe avere un’ostetrica? 

  • amore, cura e grande attenzione verso il neonato e la propria mamma;
  • saper prendere decisioni importanti in breve tempo;
  • capacità di infondere fiducia e tranquillità nelle proprie pazienti.

In molti però si chiedono anche: “ma il lavoro di ostetrica come si unisce a quello del ginecologo?”

L’ostetrica, a differenza del ginecologo, non essendo un medico, ha diversi limiti da rispettare. Ad esempio, non può somministrare alla partoriente un farmaco destinato ad accelerare la frequenza e l’intensità delle contrazioni. Non può eseguire il taglio cesareo. Non può effettuare manovre di competenza del ginecologo, se non in casi di estrema urgenza. È responsabile della morte del feto qualora il monitoraggio cardiotocografico della paziente indichi una progressiva sofferenza fetale e l’ostetrica ometta o ritardi di avvertire i medici.

Quanto guadagna un ostetrica: stipendio medio mensile

Abbiamo visto come diventare ostetrica, quale percorso affrontare e quale abilitazione bisogna avere per poter esercitare la professione. Ma qual è il guadagno mensile medio di un’ostetrica? 

Essendo una libera professionista, l’ostetrica potrà decidere autonomamente in quale struttura presentare la propria candidatura per una collaborazione. Tenuto conto di questo importante aspetto, lo stipendio percepito dalle diverse professioniste del settore varia. Tuttavia è possibile considerare una cifra media, di circa 1.500 euro al mese.

Altri fattori da considerare per comprendere a fondo a quanto può ammontare lo stipendio di un’ostetrica sono:

  • La tipologia di struttura nella quale si lavora. Nelle strutture private ovviamente i guadagni salgono nettamente rispetto al pubblico.
  • I turni di lavoro che deve fare. Se la professionista fa molto straordinari, influiranno sul compenso finale.
  • Il livello di preparazione.

Grazie a questi altri fattori, lo stipendio medio di un’ostetrica può arrivare fino a 2.000 euro al mese.

Google+
© Riproduzione Riservata