• Google+
  • Commenta
14 Febbraio 2019

Primavera 2019: quando inizia e data arrivo equinozio primaverile

Primavera 2019
Primavera 2019

Primavera 2019

Ecco quando inizia la primavera 2019: data dell’equinozio, cos’è quando avviene e cosa succede durante questa stagione dell’anno.

L’inizio della primavera 2019 è il 20 Marzo. Da qui parte la nuova stagione del risveglio della natura,  infatti, dopo la lunga stagione invernale, che spesso ci costringe a stare in casa per la maggior parte del tempo, la voglia di uscire e di stare all’aria aperta si fa infatti sempre più forte.

Molti ristabiliscono un contatto diretto con essa e puntano ad allontanarsi dal caos urbano. Un’esplosione di colori vera e propria.

Ma cosa succede durante l’equinozio di primavera ogni anno? Cos’è e perché l’equinozio cambia giorno tutti gli anni?

La data della primavera 2019 cambia rispetto all’anno scorso e perché il 20 Marzo? Cosa vuol dire?

Vediamolo nel dettaglio e prepariamoci per condividere le più belle frasi per la nuova stagione primaverile.

Primavera 2019: data inizio e cos’è l’equinozio, quando inizia e quando finisce

Durante gli equinozi, la durata del giorno e della notte è uguale. Questa particolare situazione avviene soltanto due volte l’anno, in occasione dell’equinozio primaverile e dell’equinozio d’autunno. In astronomia questo particolare fenomeno rappresenta un allineamento geometrico tra la Terra ed il Sole. Il sole, trovandosi perfettamente sopra l’equatore terrestre, fa si che la luce solare non arrivi sulla Terra. Questa sovrapposizione inusuale, fa si che si il Sole, inoltre, sorga esattamente ad Est e tramonti ad Ovest.

Ma gli equinozi, momento in cui una stagione si conclude ed una nuova inizia, furono identificati anche con nomi differenti. Ad esempio, l’equinozio è conosciuto anche col nome di equinozio di Marzo o punto dell’Ariete o punto gamma e la loro cadenza annuale non avviene sempre in una data precisa.

Il termine equinozio deriva dal latino aequinoctium e significa “notte uguale“, indica il momento in cui le ore di luce coincidono con le ore di buio. Ma perché l’equinozio di primavera non coincide con il 21 marzo?

La motivazione principale per cui queste due date spesso non coincidono è riferita ad una scelta storica: quella di adottare il calendario gregoriano come metodo di calcolo del tempo.

Alla data dell’equinozio di questa stagione si associano anche molti miti e leggende, che si sono avvicendati nel tempo caratterizzando la cultura di diversi popoli e la stagione primaverile, in questi casi specifici, simboleggia la “nascita e la rinascita”. Anche per la religione cristiana, l’equinozio diventa il punto di riferimento da cui calcolare la Pasqua. Questa difatti viene festeggiata la prima domenica dopo la prima luna piena, a partire dal giorno dell’equinozio.

Quando arriva la primavera 2019: data e ora esatta di quando inizia

Immagini di buona primavera 2019

Immagini con fiori

L’equinozio di Marzo quest’anno sarà il 20 marzo, alle ore 21:58. E questo rappresenta il momento in cui il sole raggiunge, nel suo moto apparente lungo l’eclittica, il punto di declinazione massima o minima. Inizia con l’equinozio di primavera (20-21 Marzo) quando il giorno e la notte hanno la stessa durata, e finisce con il solstizio d’estate (20-21 Giugno). In questo giorno, si ha la maggior numero di ore di luce, poiché il Sole è più alto sull’orizzonte.

SCARICA > frasi di auguri e immagini di fiori.

Le stagioni non hanno sempre lo stesso numero di giorni poiché iniziano e finiscono in istanti astronomici ben precisi che variano di anno in anno.

Ogni anno solstizi ed equinozi ritardano di circa 6 ore, ma ogni 4 anni tornano indietro di un giorno. Il perché è presto spiegato: ogni anno la Terra non ci impiega proprio un anno a ruotare intorno al Sole, ma circa 365 giorni e 6 ore. Quindi per tornare nello stesso punto dell’orbita (in questo caso quello del solstizio o dell’equinozio) ogni anno ci impiega circa 6 ore in più che però vengono recuperate ogni 4 anni con un giorno bisestile. Ma che relazione c’è fra equinozi e moto della Terra?

La cadenza degli equinozi, considerata come il momento in cui una stagione si conclude ed una nuova inizia, è fortemente influenzata dai movimenti della Terra. La Terra, proprio come tutti i pianeti del Sistema Solare, non è ferma in un determinato punto dello spazio ma si muove in senso antiorario intorno al Sole descrivendo un’orbita ellittica in cui il Sole rappresenta uno dei due fuochi. Questo fa si che l’allineamento sia più unico che raro.

Google+
© Riproduzione Riservata