• Google+
  • Commenta
22 Aprile 2019

Borsa Italiana oggi 22 aprile 2019: quotazioni e previsioni titoli

Borsa Italiana oggi 22 aprile 2019
Borsa Italiana oggi 22 aprile 2019

Borsa Italiana oggi 22 aprile 2019

Andamento della borsa Italiana oggi 22 aprile 2019: ecco quali sono le quotazioni e previsioni dei titoli e azioni in questa giornata.

La Borsa Italiana rispetto all‘ultimo andamento della settimana scorsa, apre con l’indice FTSE MIB  con il ribasso di circa lo 0,02% ed un valore pari ai 21.956,59.  Rispetto ai giorni scorsi, si registra un lieve calo, con la risalita delle quote di A2A, AZIMUT, BANCA GENERALI, ENEL, MEDIOBANCA, PRYSMIAN e TELECOM. Scendono invece i valori delle azioni di AMPLIFON, LEONARDO, PIRELLI, POSTE ITALIANE, SAIPEM e UBI BANCA. Stazionaria quindi la situazione di Piazza Affari, nonostante venerdì si sia parlato molto, di sottoscrivere e finanziare quote e società, di quella che potrebbe essere la “nuova Alitalia“. Progetto non semplice,  in quanto occorre definire un piano industriale e sentirsi fortemente motivati ad investire nella rinascita della compagnia.

I dati registrati da Codacons, avvisano che da oggi, i ponti per i quali sono previsti bollini rossi, saranno salati: aumenta il prezzo dei carburanti in modo vertiginoso.

Dal punto di vista monetario, l’Euro è in leggera ripresa, di circa  l’1,1240 rispetto al dollaro e dello 0,09% rispetto alla sterlina. Mentre l’Italia deve affannarsi  a trovare soluzioni economico-sociali, diversamente il Giappone invade sempre più il mercato mondiale diventando quasi un colosso irraggiungibile.  Il prezzo dell’oro stamani, resta invariabile sia per quanto riguarda il suo valore in grammi che per oncia. Le quotazioni di alcune banche favoriscono gli investimenti tardivi dei giorni scorsi, leggermente in rimonta troviamo Telecom mentre difficile e preoccupante restano soprattutto Poste Italiane e la Saipem che non riesce in alcun modo a riprendersi. Un leggero fermento a quanto pare, che non sembra arrestare broker e azionisti nel pieno delle festività!

Andamento della borsa Italiana oggi 22 aprile 2019: quotazioni e previsioni dei titoli e azioni

In questo lunedì 22 aprile, la Borsa Italiana non registra cambiamenti di spessore rispetto alla settimana scorsa. Leggermente in calo troviamo l’indice FTSE MIB, ma non solo anche azioni come quelle di Poste Italiane, Ubi BancaSaipem, mentre salgono le quotazioni di Banca Generali, A2A, Unicredit, e Telecom la quale sembra iniziare a farsi strada nel difficile mondo della telefonia mobile. Si sta discutendo molto della situazione Alitalia, in quanto rischia di compromettere la situazione economico-finanziaria del paese: il timore è la perdita di posti di lavoro e di un aumento della crisi per colmare i debiti previsti. Nel venerdì Santo, si è parlato di una possibile legge, volta a stanziare costi e società che favoriscano la nuova Alitalia.

Wall Street è in ripresa dopo l’indebolimento dei giorni scorsi, mentre l’Euro viene continuamente tenuto d’occhio. Stamani il suo valore è di circa l’1,1240 rispetto al dollaro e dello 0,09% rispetto alla sterlina. Sempre più in crescita è il colosso giapponese che detiene ormai la meglio sul mercato internazionale. Stabile in questo 22 aprile è il valore dell’oro, mentre quel che continua a crescere a dismisura è il prezzo dei carburanti. Saranno un pò amare le festività per gli italiani da bollino rosso e gli euro che verseranno per il costo della benzina. Come sempre ci auguriamo che la situazione possa risanarsi in un breve tempo possibile.

Previsioni quotazioni titoli: on ci sono cambiamenti a Piazza Affari

Oggi lunedì 22 aprile, non si prevedono grandi cambiamenti a Piazza Affari.

Grafico Borsa Italiana oggi 22 aprile 2019

Borsa Italiana oggi 22 aprile 2019

La borsa apre di giornata senza diversificarsi troppo dai giorni passati con le banche che se la giocano tra rialzi e ribassi. L’oro resta stabile, mentre aumentano i costi del carburante. Le decisioni che il governo dovrà prendere nei giorni seguenti, saranno diversi.

Ci si aspetta davvero che possa manifestarsi una ripresa della vita sociale, non solo economica ma soprattutto lavorativa. Il tasso di disoccupazione non si arresta, le tasse continuano a salire e il debito pubblico non mostra segni di luce. Tutto complicato quindi, nonostante apparentemente sembra esserci tranquillità, ma la realtà ostile, va ben oltre.

Google+
© Riproduzione Riservata