• Google+
  • Commenta
4 Aprile 2019

Flat Tax 2019 requisiti di accesso, come funziona e chi conviene

Flat Tax 2019
Flat Tax 2019

Flat Tax 2019

Tutte le novità sulla Flat tax 2019: requisiti di accesso al regime forfettario, imposta sostitutiva al 20% e mini Ires, sostituzione scaglioni di reddito.

Come funziona la tassa piatta e a chi è rivolta. Informazioni sul simulatore di calcolo online. Test di convenienza.

E’ di fondamentale importanza capire come funziona la Flat tax 2019 e a chi conviene. La tassa piatta incide sulla partita iva, sulle detrazione. Anche sulle aliquote d’imposta e sugli scaglioni di reddito. Può impattare su famiglie, pensionati e dipendenti. Quindi su stipendio, reddito e imposte. Inoltre, con la Flat tax 2019 i requisiti di accesso al regime forfettario dei professionisti cambiano.

Le novità della tassa piatta sono state introdotte dalla Legge di Bilancio 2019. Online sono anche disponibili simulatori di calcolo e test di convenienza.

E’ importate capire quando e a chi conviene. In questo articolo potete trovare tante informazioni utili per capire come funziona il nuovo regime dei minimi 2019?

Requisiti flax tax 2019: come funziona e limiti di accesso al nuovo regime forfettario

La Flat tax 2019 cambia i requisiti di accesso al regime forfettario. Viene innalzato a 65.000 euro il limite di ricavi e compensi per l’accesso. Il limite va considerato indipendentemente dall’attività esercitata. Vengono inoltre eliminati ulteriori requisiti. Ma quali? Quelli relativi al costo dei beni strumentali (20.000 euro) e alle spese prestazioni di lavoro (5.000 euro).

La tassa piatta 2019 istituisce anche una imposta sostitutiva reddito d’impresa. L’aliquota è del 20%. L’imposta è sostitutiva dell’Irpef, delle addizionali regionali e comunali e dell’Irap. Ma a chi si applica? Alle persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni. A che condizione? Nell’anno precedente devono aver conseguito ricavi ovvero compensi compresi tra 65.000 e 100.000 euro.

E’ prevista inoltre la mini Ires. La misura prevede una riduzione dell’aliquota dal 24% al 15%. La mini imposta si applica per la quota di utili accantonati a riserve. Tale quota deve essere però utilizzata per incrementare gli investimenti. In cosa? In beni strumentali nuovi e nel personale dipendente occupato. La mini Ires si applica anche alle persone fisiche esercenti attività d’impresa. Come? Con un meccanismo che prevede la stessa riduzione di aliquota

A chi conviene la Flat Tax e il nuovo regime dei minimi 2019

I nuovi requisiti di accesso al regime forfetario mirano a ridurre la pressione fiscale. I soggetti interessati sono quelli di piccole dimensioni. Si amplia quindi l’ambito di applicazione del regime forfetario. La nuova disposizione si applica a decorrere dall’anno 2019. Si applica alle persone fisiche esercenti attività di impresa, arti e professioni.

Anche l’imposta sostitutiva con aliquota al 20% vuole ridurre la pressione fiscale. E’ rivolta ai soggetti esercenti attività d’impresa, arti e professioni di minori dimensioni. Prevede quindi l’applicazione di un’imposizione sostitutiva in sostituzione di quella progressiva per scaglioni.  Si applica al reddito determinato secondo le vigenti disposizioni in materia di tassazione del reddito d’impresa e di lavoro autonomo. Si applica a decorrere dall’anno 2020.

La mini Ires è stata introdotta in chiave di attuazione della Flat tax. Agevola la crescita aziendale determinata dagli investimenti incrementali in beni strumentali e in occupazione. Si applica ai titolari di reddito d’impresa. Decorre dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2018.

Google+
© Riproduzione Riservata