• Google+
  • Commenta
11 Aprile 2019

Formula 1 GP della Cina diretta di sabato 13 aprile 2019

Formula 1 GP della Cina diretta di sabato 13 aprile 2019
Formula 1 GP della Cina diretta di sabato 13 aprile 2019

Formula 1 GP della Cina diretta di sabato 13 aprile 2019

Anticipazioni della Formula 1 GP della Cina diretta di sabato 13 aprile 2019: strategie di gara a possibile Pole Position.

Non solo Serie A e Premier League nella ricca programmazione di eventi sportivi che andranno in scena sabato 13 aprile. Scendono in pista anche le monoposto della Formula1  per il Gran Premio della Cina.

Tutto in diretta esclusiva su Sky Sport F1 (canale 207) e Sky Sport Uno  (canale 201)

La Formula 1 fa tappa a Shanghai per il terzo appuntamento di questo mondiale.

Sarà il millesimo Gran Premio della storia e sicuramente tutti i piloti avranno una motivazione in più per provare a scrivere il loro nome nell’elenco dei vincitori in una ricorrenza così particolare.

Stamattina alle 08:00 italiane era in programma la consueta conferenza stampa dei piloti.

Dopo il finale scoppiettante apprezzato in Bahrain, Mercedes e Ferrari sono pronte a darsi battaglia anche sul circuito cinese che già negli scorsi anni ha dato vita a spettacoli entusiasmanti.

Lo scorso anno a vincere il Gran Premio fu l’australiano Daniel Ricciardo che, alla guida della sua Red Bull, riuscì a vincere la gara pur essendo partita dalla sesta posizione.

Anticipazioni Formula 1 GP della Cina diretta di sabato: strategie e possibile Pole Position

Il Gran Premio della Cina ha avuto inizio, come detto, un paio d’ore fa con la consueta conferenza stampa di tutti i piloti.

Il primo semaforo verde, valevole per le prime prove libere, scatterà alle 04:00 italiane, mentre la seconda sessione scatterà alle 08:00.

Si continua sabato mattina con la terza e ultima sessione di prove libere alle 05:00 a cui seguirà la Pole Position alle 08:00.

La Ferrari deve necessariamente invertire la rotta rispetto a quanto visto in Australia e in Bahrain se vuole restare in scia della Mercedes.

Le Frecce d’Argento tedesche, anche quest’anno, sono sicuramente la squadra da battere e la Ferrari non può certo sbagliare se vuole sperare di riportare a Maranello un titolo mondiale che manca ormai da 12 anni.

L’ultimo pilota in rosso a vincere il titolo mondiale fu infatti Kimi Räikkönen nel 2007.

Le statistiche però dicono che la Mercedes in Cina è praticamente invincibile. A Shanghai Hamilton ha conquistato 5 vittorie, 6 pole position, 8 podi e 4 giri veloci.

In più la Mercedes, dal 2012 al 2017 ha inanellato qui una serie di 6 pole consecutive che solo Vettel lo scorso anno è riuscito a spezzare.

Si può comprendere quindi come i favori del pronostico pendano tutti a favore della scuderia tedesca, ma le 4 pole in carriera conquistate qui da Vettel confermano come, in un certo qual modo, il pilota tedesco sia a suo agio su questo circuito.

Basti ricordare ad esempio che 10 anni fa vinse qui con la Red Bull il primo Gran Premio in Formula 1 nella storia della scuderia austriaca.

E sebbene sia a tutt’oggi il suo unico acuto sul circuito, e sebbene la Ferrari non vinca qui dal 2013 le possibilità di portare a casa la vittoria ci sono tutte.

Strategie GP Cina di sabato 13 aprile 2019: cambio gomme e pit stop

Il circuito di Shanghai sempre dato vita a corse entusiasmanti dal punto di vista strategico.

La Pirelli ha nominato C4 (ultrasoft), C3 (soft), e C2 (medium) le mescole che meglio si adattano al circuito cinese.

Ferrari, Mercedes e Red Bull hanno optato per un numero differente di set di mescole disponibili rispetto agli altri team.

Questo a sottolineare la grande varietà di strategie adottabili.

Il circuito presenta un mix di curve e rettilinei che, unito all’asfalto mediamente abrasivo, gioca un ruolo abbastanza severo sugli pneumatici.

Infatti il rischio bloccaggio degli stessi in seguito a raffreddamento è, proprio per questo motivo, molto alto. A tutti questi fattori si associno le temperature estremamente variabili.

L’anno scorso Ricciardo vinse con due pit stop, quindi si suppone che la migliore strategia adottabile per vincere sia pressoché la stessa.

Google+
© Riproduzione Riservata