• Google+
  • Commenta
12 Aprile 2019

Sondaggi Elezioni Europee oggi 12 aprile 2019: scatto dei liberali

Sondaggi europee oggi 23 aprile 2019
Sondaggi Elezioni Europee oggi 12 aprile 2019

Sondaggi Elezioni Europee oggi 12 aprile 2019

Ultimi sondaggi elezioni europee di oggi 12 aprile 2019: quali sono le intenzioni di voto e chi vincerebbe secondo le previsioni elettorali se andassimo a votare ora.

Sembra ormai inarrestabile il lento e costante declino del Movimento 5 Stelle.

Il M5S appare ormai prigioniero delle promesse non mantenute e della forte volontà di Luigi Di Maio di rimanere al governo, nonostante, appaia agli occhi dell’opinione pubblica divorato, quasi inglobato, con costanza, dall’alleato leghista.

Il Movimento 5 Stelle sembra più che mai incastrato tra i suoi problemi – completamente sparito dalla circolazione Di Battista – e deluso da quel credo – politica pura -, prima regola del Movimento medesimo. Dopo gli scandali di Roma, il Movimento, sembra via via lacerarsi.

I primi ad abbandonare la barca sembrano essere proprio i suoi elettori; troppi i disastri compiuti negli scorsi mesi e troppi i ‘cambi di direzione’. Basti pensare alla Tav. Anni e anni di campagna elettorale, anni e anni di ‘No Tav‘ si sciolgono davanti alla pressione dei media e alle volontà del compagno Salvini. È come se per tenere alto il governo giallo-verde, i gialli, si stiano abbandonando lentamente alle volontà del leader leghista. E questo proprio non va giù ai suoi elettori.

D’altro canto, se così fosse, sarebbe giustificato il cambio di rotta da parte degli elettori pentastellati. Per meglio dire, i sondaggi elezioni fatti nelle ultime settimane sottolineano un partito in netta risalita.

La ‘rinascita’ del Partito Democratico che dopo il buon risultato alle regionali in Basilicata, punta a diventare il secondo partito nazionale alle elezioni europee.

Sondaggi Elezioni Europee oggi 12 aprile 2019: chi vincerebbe se si andasse al voto oggi

Grafico sondaggi Elezioni Europee oggi 12 aprile 2019

I sondaggi indicano – ancora una volta – il declino impietoso del Movimento 5 Stelle.

Da primo partito dopo un anno il Movimento si ritrova vicino ad essere il terzo partito, senza avere mai governato una regione e con grosse batoste nelle ultime amministrative. Terzo, appunto perché sta tornando prepotentemente sulla scena politica il Partito Democratico.

Dopo un anno di torpore, le primarie sembrano aver dato una sveglia e una chiara indicazione: chi è andato a votare ha detto no all’idea renziana di un partito della Nazione, ha detto invece sì ad una nuova compattezza caratterizzata da un’agenda politica adeguata e che guardi più a sinistra.

La palla passa ora nelle mani di Zingaretti.

I sondaggi sono dalla parte di Zingaretti: dopo le primarie il PD si ritrova, dopo un anno di assoluto immobilismo a speronare il Movimento 5 Stelle. Il sorpasso vero e proprio non è stato ancora effettuato, nonostante diversi sondaggi dicano il contrario, dunque, attenzione a quel che potrebbe accadere nei prossimi giorni.

Continua alla grande Matteo Salvini. Ad oggi il consenso per la Lega è enorme.

Interessati da vicino alle mosse di Salvini restano Berlusconi e la Meloni, magari chissà, con una speranza da parte dei due di entrare in governo al fianco del compagno di centrodestra.

Ovviamente per gli attori principali che calcano lo scenario politico sia in Italia che in Europa, appuntamento importante sono le prossime Elezioni Europee.

Il prossimo 26 maggio sarà il giorno in cui andremo a determinare la ‘nuova’ Europa.

Ultime previsioni elezioni europee oggi 12 aprile 2019: dati di Poll of Polls

Ad oggi non vi è uno scenario chiaro ma è tutto in evoluzione continua.

Tra gli scenari più papabili c’è quello che vedrebbe un’alleanza tra il PPE (Popolari Europei), i liberali (ALDE) e i socialisti (PSE), gruppi in forte ascesa negli ultimi sondaggi elaborati da Poll of Polls. Il merito di questo scatto va anche alla presenza di “En Marche!”, partito di Macron.

Di seguito i dati forniti da Poll of Polls:

  • Popolari Europei (PPE): 178 (-39)
  • Socialisti (PSE): 132 (-57)
  • Liberali (ALDE): 95 (+27)
  • Conservatori e riformisti (ECR): 60 (-13)
  • Estrema destra e euroscettici tra cui Lega e Fronte Nazionale francese (ENF): 63 (+28)
  • Sinistra Europe (Left) : 48 (-3)
  • Verdi (Greens/Efa): 43 (-7)
  • Nuovi non affiliati: 44
  • Europa della Libertà e Democrazia Diretta, attualmente il gruppo del Movimento 5 Stelle (a breve però ci dovrebbe essere l’addio) e dei tedeschi dell’AfD, sovranista ed euroscettico (EFDD): 34 (-9)
Google+
© Riproduzione Riservata