• Google+
  • Commenta
18 Ottobre 2019

Sondaggio elettorale 18 ottobre Youtrend: calo Lega, Pd, M5S, bene Renzi

Sondaggio elettorale 18 ottobre Youtrend
Sondaggio elettorale 18 ottobre Youtrend

Sondaggio elettorale 18 ottobre Youtrend

Ultimo sondaggio elettorale 18 ottobre di Youtrend per Agi: stando alle intenzioni di voto degli italiani Italia Viva di Renzi è l’unico partito in crescita, mentre sono in leggero calo Salvini, il Pd e 5stelle.

Come ogni venerdì Youtrend pubblica una “Supermedia”, calcolata dalle indagini condotte da ben 10 istituti demoscopici nelle ultime due settimane. Essa segnala una leggera flessione dei due partiti di governo, Pd e M5s, e  del principale partito di opposizione, la Lega. I dati emersi non fanno altro che confermare il trend visto recentemente nello stesso sondaggio elettorale.

I due schieramenti facenti parte dell’esecutivo guidato da Giuseppe Conte risultano oramai appaiati per la prima volta dalle elezioni europee dello scorso Maggio. Il Pd ed il M5s, stando ai sondaggi, sono protagonisti di una mera corsa al ribasso col primo che avanza a più ampie falcate.

La somma del consenso di entrambi è ai minimi storici dal maggio 2012. Da quando il primo non era ancora stato soggetto a continue scissioni ed il secondo era ancora in piena fase ascendente non abbiamo un dato aggregato così basso.

Il sondaggio elettorale pubblicato da Youtrend conferma le proporzioni presenti al momento dell’insediamento del secondo governo Conte. Il vantaggio  della coalizione di centro-destra sull’attuale maggioranza si aggira intorno all’1%. Si delineano invece nuovi equilibri interni alle coalizioni. Infatti tra le forze politiche che appoggiano l’esecutivo l’unica crescita risulta essere quella del nuovo partito creato dall’ex premier Matteo Renzi, Italia Viva. All’interno del centro-destra risulano stabili Forza Italia e Fratelli d’Italia; dopo che quest’ulimo aveva visto ultimamente lievitare i consensi.

Resta sempre primo partito la Lega di Salvini e continua la regressione per +Europa. Il partito di Emma Bonino scende addirittura sotto la soglia del 2%.

Sondaggio elettorale 18 ottobre Youtrend: quali eventi politici potrebbero determinare il voto?

Se da un lato la maggioranza avrà il suo privo banco di prova tra legge di bilancio ed elezioni regionali (laddove si sperimenterà l’alleanza giallo-rossa a livello locale), dall’altro il centro-destra si mobilita in una manifestazione organizzata dalla Lega per il 19 ottobre. In queste ore il segretario del Carroccio è alle prese con critiche, sopraggiunte da più parti, riguardo la presenza a Piazza San Giovanni di CasaPound. Salvini sminuisce: “Sarà una piazza con almeno 100 mila italiani” ed afferma che la manifestazione ” la organizza la Lega e sul palco interviene chi decide la Lega. Questo giochino della piazza dei fascisti ormai fa ridere e non ci crede più nessuno”.

Confermata la presenza del segretario di Forza Italia Silvio Berlusconi. Mara Carfagna riveste, ancora una volta, le vesti dell‘opposizione a Salvini all’interno dei berlusconiani. La deputata forzista si dichiara perplessa dei connotati  che sta assumendo l’evento. Invita, per giunta, il suo partito a “riflettere sulla partecipazione“. Il leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, si dice dispiaciuta per la presenza dei simboli della sola Lega sul palco in un evento che avrebbe dovuto raprresentare l’intera opposizione.

Nel sondaggio elettorale di Youtrend la redazione ci tiene a specificare come sia improbabile che i valori siano influenzati dalle reazioni dei cittadini al dibattito tra Renzi e Salvini di Martedì sera da Vespa. Infatti, data la vicinanza temperole tra il duello televisivo negli studi di Porta a Porta e il calcolo della Supermedia, è difficile considerarne già gli effetti.

Chi vincerebbe le elezioni secondo il sondaggio politico del giorno

Come detto in precedenza la Lega di Salvini si confermerebbe primo partito con il 31,6%. Perderebbe lo 0,2% di consensi rispetto a due settimane fa ma bisogna aggiungere che le ultime rilevazioni la vedono in ripresa.

Si attestano intorno al 20% i due partiti di governo, Pd e M5s. La differenza tra i due si è molto assottigliata col tempo arrivando allo 0,1%. In particolare, se si votasse oggi, avrebbero il 19,6% e il 19,5%.

Stabili FI e FdI che confermano le medesime percentuali di due settimane prima, ossia, rispettivamente, il 6,6% ed il 7,8%.

Sale dello 0,3%  Italia Viva di Matteo Renzi, passando dal 4,3% al 4,6%.

Cala +Europa dal 2% fino all’1,7%.

Leggero calo per la Sinistra di Fratoianni, dal 2,2% al 2,1% e crescita dei Verdi dal 1,7% al 1,9%.

Istituti considerati: Demopolis, Demos, EMG, Euromedia, Ipsos, Ixè, Noto, Quorum, SWG, Tecnè.

Google+
© Riproduzione Riservata