• Google+
  • Commenta
20 Maggio 2019

Concorso INPS 2019: bando, posti disponibili e come prepararsi

Concorso INPS 2019
Concorso INPS 2019

Concorso INPS 2019

Ecco tutte le ultime news sul concorso Inps 2019: aggiornamenti sull’uscita del bando e quanti sono i posti a disposizione dall’Ente-Istituto Nazionale di Previdenza Sociale

E’ prevista per  questo novembre 2019 la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del bando di concorso per l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Ad annunciarlo qualche mese fa l’ex presidente  Tito Boeri, alla guida dell’Istituto fino allo scorso febbraio. Sarà l’attuale Presidente in carica, l’economista  Paquale Tridico a gestire il nuovo piano di assunzioni previsto tra il 2019 ed il 2020.

Dopo il congelamento delle assunzioni contenuto nella Manovra finanziaria, l’Inps annuncia il reclutamento di 4728 lavoratori. Uni dei tanti nuovi concorsi pubblici previsti per l’anno 2019.

L’Inps, che gestisce le domande per la pensione anticipata e la quota 100, proprio per l’effetto di questi strumenti subirà la fuoriuscita di 2500 unità.

I nuovi assunti a partire dal 2020 rischiano però di non essere affiancati dalle vecchie reclute e di non essere sufficientemente formati. Da qui la necessità di anticipare l’uscita del bando, prevista per il prossimo novembre. Entro quest’anno si prevede quindi l’ingresso di 2290 nuovi assunti, per un totale di 4728 unità entro il 2020. Non conosciamo ancora nello specifico quali sarano le figure ricercate e quali le modalità per inoltrare la domanda. Per questo bisognerà attendere la pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale, ma è bene tenere d’occhio anche lo stesso sito ufficiale dell’Istituto.

Concorso INPS 2019: bando per 5000 nuove assunzioni, requisiti e modalità d’accesso

Sono circa  5000 i posti disponibili nel nuovo piano di assunzioni del concorso INPS 2019. Dalle prime dichiarazioni del presidente Pasquale Tridico, è per certo che le procedure concorsuali inizieranno nel novembre 2019. Tra le figure ricercate 43 dirigenti generali di prima e seconda fascia, impiegati di area A,  B e C, ma anche medici ed avvocati. Da tener presente  l’alta propabilità che le prime assunzioni avverrano tramite lo scorrimento delle graduatorie  passati concorsi.

Il piano di fabbisogno dell’Ente è stato proposto dalla Direttrice Generale dell’Inps, Gabriella di Michele dopo il blocco delle assunzioni previsto nella manovra finanziaria. Ricordiamo che la proposta non è stata ancora approvata, ma è al vaglio dei ministeri della Funzione Pubblica, del Lavoro e dell’economia. La riorganizzazione dell’Ente Previdenziale è necessaria per far fronte alle sempre maggiori richieste di prestazioni assistenziali degli ultimi anni. I nuovi funzionari dovranno occuparsi della gestione di tutte le novità in materia di previdenza sociale introdotte dal governo, come il reddito di cittadinanza, il pensionamento anticipato e  quota 100. Non conosciamo ancora nel dettaglio quali saranno i requisiti specifici richiesti ai futuri candidati o quali i titoli che daranno diritto a punteggi aggiuntivi.

Come prepararsi, concorso Istituto Nazionale di Previdenza Sociale

L’uscita del bando di Concorso INPS 2019 per i nuovi funzionari è prevista per novembre 2019. Non conosciamo ancora le date ufficiali delle prove, ma i candidati potranno cominciare a prepararsi sin da adesso attraverso i manuali e le batterie di quiz online. E’ quasi certo che se le domande inoltrate all’Ente saranno più di 10.000, si inizierà con una  prova preselettiva che potrebbe incentrarsi su quiz di logica, cultura generale, competenze linguistiche ed informatiche.

Superata questa, il concorso potrebbe articolarsi in due prove scritte ed una prova orale. Le principali materie di studio per entrambi le prove potrebbero interessare il bilancio la contabilità pubblica, la pianificazione, programmazione e controllo e organizzazione e gestione aziendale, il diritto amministrativo e costituzionale ,diritto del lavoro e legislazione sociale. La prova orale potrebbe riguardare le stesse materie, ma anche la lingua inglese e l’informatica.

Google+
© Riproduzione Riservata