• Google+
  • Commenta
2 Luglio 2019

Semifinale mondiale femminile 2019: Inghilterra Vs Stati Uniti

Finale mondiale femminile terzo e quarto posto: Inghilterra Vs Svezia
Semifinale mondiale femminile 2019

Semifinale mondiale femminile 2019

Anticipazioni della semifinale mondiale femminile 2019: come andrà la partita di stasera 2 luglio, pronostici Inghilterra Vs Stati Uniti e possibili formazioni in campo.

Il Mondiale femminile è ormai agli sgoccioli, siamo arrivati al penultimo atto della competizione.

Oggi in programma la prima semifinale tra Inghilterra e Stati Uniti, mentre domani scendono in campo Svezia e Olanda.

L’Italia di Milena Bertolini non è riuscita ad andare più avanti dei quarti di finale: la sconfitta contro le olandesi ha mandato a casa le Azzurre che hanno, in questo modo, solo eguagliato il precedente record, risalente al 1991, che le aveva viste protagoniste fino ai quarti di finale appunto.

Un cammino straordinario quello delle ragazze italiane che ha creato, passione e attaccamento verso il calcio femminile.

Ha fatto anche respirare nuovamente nel Bel Paese quella “aria mondiale” che i ben più blasonati colleghi maschili non erano stati in grado di portarci.

Dopo la sconfitta nel playoff con la Svezia valevole per l’accesso ai Mondiali di Russia 2018. Avremmo voluto vedere ancora Bonansea, Galli, Giacinti e tutte le altre in azione, ma così non sarà. In semifinale ci sono Olanda, Svezia, Stati Uniti e Inghilterra. Proprio queste ultime due si affronteranno stasera nella prima semifinale di questo Mondiale femminile. Appuntamento alle 21:00 su Sky Sport Mondiale e Rai Sport HD.

Pronostico semifinale mondiale femminile 2019: come andrà la partita Inghilterra Vs Stati Uniti

Inghilterra-Stati Uniti è la prima semifinale di questo Mondiale femminile: si gioca alle 21:00 a Lione, al Groupama Stadium. La vincente di questa semifinale affronterà la vincente dell’altra semifinale, in programma domani, sempre alle 21:00, che mette difronte Olanda e Svezia.

Inghilterra e Stati Uniti arrivano all’appuntamento con il penultimo atto di questo mondiale in maniera praticamente identica: entrambe le compagini hanno infatti vinto i propri gironi a punteggio pieno ed entrambe hanno battuto le rispettive avversarie, sia agli ottavi che ai quarti, nei tempi regolamentari.

Le inglesi hanno vinto il proprio girone, il Girone D che comprendeva anche Giappone, Argentina e Scozia e hanno poi letteralmente annientato, col punteggio di 3-0, sia il Camerun agli ottavi di finale che la Norvegia ai quarti. Le statistiche delle inglesi dicono 11 gol fatti e uno solo subito.

Le americane, campionesse in carica, hanno invece vinto il loro raggruppamento (Girone F) che comprendeva anche Svezia, Cile e Thailandia. La nazionale a stelle e strisce arriva a queste semifinali dopo aver segnato la bellezza di 22 gol (di cui 13 segnati solo alla Thailandia). Mentre sono invece solo 2 le reti incassate.

L’unico precedente in un Mondiale femminile risale al 2007: in quell’occasione ebbero la meglio le statunitensi con un secco 3-0. Alla luce di quanto detto quindi possiamo dire che, sebbene le due nazionali siano entrambe prolifiche davanti quanto solide dietro, alla fine Morgan e compagne dovrebbero comunque riuscire ad avere la meglio sulle avversarie.

Probabili formazioni Inghilterra Vs Stati Uniti di martedì 2 luglio 2019

Per quanto riguarda le formazioni è probabile che Phil Neville opti per un articolato 4-1-4-1 le cui interpreti dovrebbero essere le seguenti: Bardsley in porta con, davanti a lei, Bronze, Houghton, Bright e Stokes. In mediana spazio a Walsh, mentre a centrocampo agiranno Parris, Scott, Kirb e Duggan. In attacco l’unica punta White.

Jillian Ellis, CT degli Stati Uniti, dovrebbe invece scegliere un più classico 4-3-3 con Naeher in porta. Davanti a lei  O’Hara, Dahlkemper, Sauerbrunn e Dunn, a centrocampo Lavelle, Ertz e Mewis. In attacco il tridente formato da Heath, MorganRapinoe. 

  • Inghilterra (4-1-4-1): Bardsley; Bronze, Houghton, Bright, Stokes; Walsh; Parris, Scott, Kirby, Duggan; White.
  • USA (4-3-3): Naeher; O’Hara, Dahlkemper, Sauerbrunn, Dunn; Lavelle, Ertz, Mewis; Heath, Morgan, Rapinoe.
Google+
© Riproduzione Riservata