• Google+
  • Commenta
11 Ottobre 2019

Sondaggi politici YouTrend Agi del 11 ottobre: calano Lega, M5S e Pd

Sondaggi politici YouTrend Agi del 11 ottobre 2019
Sondaggi politici YouTrend Agi del 11 ottobre 2019

Sondaggi politici YouTrend Agi del 11 ottobre 2019

Ecco quali sono gli ultimi sondaggi politici YouTrend Agi del 11 ottobre 2019 che come ogni fine settimana ci offre un valore medio dato dalla somma di tutti i sondaggi politici effettuati.

La supermedia di questa settimana vede: Lega ancora primo partito con il 31,4% dei consensi, il Pd al 19,8% ed il M5S al 19,5%.

I valori odierni confrontati con quelli di 15 giorni fa ci dicono: che tutti e tre i partiti di testa scendono nei sondaggi. Il partito che perde di più è la Lega (-0,7%) Infine dobbiamo registrare che sia il PD e sia M5S sono al di sotto del 20%.

Passiamo adesso ai partiti che invece vedono lievitare i consensi: il partito Fdi di Giorgia Meloni arriva al 7,9% (+0,5% rispetto alla scorsa settimana); Fi sale soltanto dello 0,2% e si assesta al 6,6%; Italia Viva arriva al 4,5% ed in una settimana conquista quasi mezzo punto percentuale.

Ecco l’elenco completo dei partiti politici oggetto della supermedia di YouTrend/Agi con i corrispettivi consensi:

  • Lega: 31,4% ( 10 ottobre)  32,1%( 29 settembre) – 0,7%
  • Pd: 19,8% (10 ottobre)  20% (29 settembre) – 0,2%
  • M5S: 19,5% (10 ottobre)  19,6% (29 settembre) – 0,1%
  • Fdi: 7,9% (10 ottobre)  7,4% (29 settembre) +0,5%
  • Fi: 6,6% (10 ottobre)  6,4% (29 settembre) +0,2%
  • Italia Viva: 4,5% (10 ottobre)  4,1% (29 settembre) +0,4%
  • La sinistra: 2% (10 ottobre)  2,2% (29 settembre) -0,2%
  • +Europa: 1,8% (10 ottobre) 2,5% (29 settembre) -0,7%
  • Verdi: 1,8% (10 ottobre)  1,8%( 29 settembre) =

Sondaggi politici YouTrend Agi del 11 ottobre 2019: chi vincerebbe le elezioni se si votasse

Se si votasse oggi secondo gli ultimi sondaggi politici, con riferimento alla supermedia YouTrend/Agi le elezioni verrebbero vinte dalla Lega di Matteo Salvini. I numeri premiano ancora una volta l’ex Ministro dell’interno nonostante abbia perso più di mezzo percentuale nell’arco di due settimane.

Il leader del Carroccio si mantiene comunque al di sopra del 30%, con i due inseguitori più prossimi che scendono sotto il 20%. Gli altri due partiti all’inseguimento della Lega di Matteo Salvini continuano a rincorrersi ed a superarsi a vicenda. Dati alla mano il centrodestra composto da Lega/Fdi/Fi rappresentano il 45,9% degli elettori.

Sull’altra sponda dei sondaggi politici il centrosinistra il governo giallorosso (Pd,M5S,LeU e IV) rappresenta il 45,8% degli italiani. Considerando i dati sopraelencati potremmo dire che le due coalizioni di centrodestra e centrosinistra rappresentano quasi la totalità degli italiani. La differenza come già ribadito in precedenza è l’enorme divario che sussiste tra la Lega e i restanti partiti.

Le elezioni regionali del prossimo anno ci daranno qualche spunto in più poiché è ancora presto per prevedere un futura alleanza Pd&M5S, visto che i secondi (M5S) nelle competizioni elettorali si sono presentanti sempre come partito unico e non in coalizione.

Il centrodestra si compatta e scende in piazza il 19 ottobre a Roma

Il partito Forza Italia scenderà in piazza insieme a Lega e Fdi per protestare contro la politica economica dell’attuale governo.

Con un nota dell’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, rivolta a iscritti,simpatizzanti ed elettori di Forza Italia, si annuncia la partecipazione del partito alla manifestazione del 19 ottobre a Roma insieme alla Lega ed a Fratelli d’Italia.

L’ex premier ha cosi motivato così la scelta di scendere in piazza:“La politica economica del governo, come emerge dalla nota economica del Def desta grande preoccupazione. Colpirà negativamente famiglie e imprese, porterà l’Italia nuovamente nella spirale della recessione. Anche per questa ragione Forza Italia aderirà alla manifestazione contro le politiche del Governo convocata per il 19 ottobre“.

Annamaria Bernini, capogruppo di Forza Italia, ha aggiunto: “Il centrodestra unito è l’unico antidoto all’ammucchiata di palazzo attualmente al governo. Per questo il vertice di ieri sera va salutato come una fondamentale ripartenza per mobilitare il Paese contro una maggioranza che è perfino peggiore dell’Unione di Prodi”.

Scolte le riserve quindi, Forza Italia insieme agli altri partiti di centrodestra si riunirà a Roma contro il governo giallorosso. Fino a ieri la presenza degli “azzurri” era in dubbio e tra qualche candidatura spontanea(Gasparri) e qualche critica dalla Meloni si è deciso di partecipare alla manifestazione di Roma in programma il 19 ottobre.

Google+
© Riproduzione Riservata