• Google+
  • Commenta
10 Febbraio 2020

Giornata del malato: origini, significato e frasi per i malati

Immagini giornata del malato con frasi
Immagini giornata del malato con frasi

Immagini giornata del malato con frasi

Il giorno 11 febbraio è la Giornata del malato: ecco quali sono origini, significato della ricorrenza e il messaggio di papa Francesco per la XXVIII ricorrenza, citazioni, aforismi e frasi sui malati da dedicare.

Istituita nel 1992, la ricorrenza fu voluta da papa Giovanni Paolo II. Dopo 28 anni la Giornata continua ad essere celebrata e a diffondere messaggi di speranza e amore. “In questa XXVIII Giornata Mondiale del Malato, penso ai tanti fratelli e sorelle che, nel mondo intero, non hanno la possibilità di accedere alle cure, perché vivono in povertà”. Dice papa Francesco nel suo messaggio, divulgato il 3 gennaio 2020. Si rivolge poi alle istituzioni sanitarie e ai governi di tutti i Paesi del mondo, “affinché non trascurino la giustizia sociale solo per considerare l’aspetto economico. Auspico che, coniugando i principi di solidarietà e sussidiarietà, si cooperi perché tutti abbiano accesso a cure adeguate per la salvaguardia e il recupero della salute.”

Ringrazia poi tutti i volontari che, con gesti di tenerezza, si prendono cura di chi ne ha bisogno. L’11 febbraio è una giornata istituita anche per i credenti, per offrire preghiere per coloro che soffrono. Le persone in tutto il mondo si prendono il tempo di pregare per i malati e per coloro che lavorano per alleviare le sofferenze dei malati. Le organizzazioni di fede approfittano di questa data per fornire ai malati medicine, cibo e guida spirituale. Non si tratta di una festa ufficiale, quindi le imprese, le scuole e gli uffici governativi sono

Scopri ora la storia e il significato della Giornata mondiale del malato e le frasi nel messaggio di Papa Francesco per l’11 febbraio 2020. Leggi poi la nostra raccolta di frasi, citazioni e aforismi da condividere per capire il significato e la storia della Giornata mondiale del malato.

Significato della Giornata Mondiale del malato: storia e frasi per i malati di Papa Francesco

Istituita il 13 maggio 1992 da papa Giovanni Paolo II, la Giornata mondiale del malato è un ricorrenza della Chiesa cattolica romana. Al papa fu infatti diagnosticato il Parkinson, malattia per la quale oggi esiste qualche cura. Egli decide così di istituire la Giornata, e lo fa scrivendo un tema sulla sofferenza e su quanto parlarne sia più che salvifico. Per questa ricorrenza è scelta la data dell’11 febbraio in onore della memoria liturgica della Madonna di Lourdes. La data è scelta in quanto molti pellegrini e visitatori a Lourdes hanno riferito di essere guariti per intercessione della Vergine. La storia della Giornata mondiale del malato ha un significato ben preciso: prenderci cura dell’altro con tenerezza e delicatezza. Dobbiamo aiutare chi ne ha bisogno, specie in quei casi in cui i bisogni restano a lungo inascoltati. Bisogna farlo però con delicatezza ed educazione, senza essere indiscreti.

“Emotivamente è un impegno importante – spiega Francesca dell’Istituto Serafico di Assisi- prima di tutto perché la disabilità ci pone di fronte i limiti della persona. Viviamo in una società che tende a bandire il limite, a metterlo da parte. Quindi facciamo i conti con una verità che l’uomo dimentica: l’uomo è fragile”. Continua poi mettendo in risalto il significato e la storia della ricorrenza, non tralasciando le difficoltà che si incontrano. Tuttavia “noi riceviamo anche tanto: le persone con cui abbiamo a che fare ogni giorno ci riportano ai valori autentici della vita. Sono valori che ti accompagnano sempre e il lavoro non finisce quando timbri un cartellino.” Ad entrare in gioco, e a fare spesso la differenza sono le famiglie. Quelle famiglie che la società vede “come dei numeri”. Significato e messaggio della Giornata è dare quindi voce a tutte le persone che per la società sono invisibili.

Messaggio di Papa Francesco per i malati per l’11 febbraio 2020

Come ogni anno il papa si impegna a diffondere il messaggio per la Giornata mondiale del malato, con il quale spiega la storia e il significato della ricorrenza. Il messaggio per la XXVIII Giornata si apre con un passo del Vangelo secondo Matteo: Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, io vi darò ristoro. La solidarietà di Gesù Cristo è infatti il messaggio da cui tutti noi dobbiamo trarre ispirazione. “Quando Gesù dice questo, ha davanti agli occhi le persone che incontra ogni giorno per le strade di Galilea: tanta gente semplice, poveri, malati, peccatori, emarginati dal peso della legge e dal sistema sociale oppressivo. Questa gente lo ha sempre rincorso per ascoltare la sua parola. La parola è un elemento fondamentale: serve a dare speranza. Così Gesù Cristo, a chi vive la situazione di fragilità, dolore e debolezza, non impone leggi, ma offre la sua misericordia.”

Papa Francesco ci invita poi ad essere compassionevoli verso coloro che soffrono. Tanti sono i tipi di sofferenza: dalle malattie inguaribili alla patologie psichiche, alle varie disabilità. “Coloro che ne soffrono avvertono una carenza di umanità, e risulta perciò necessario l’approccio al malato. In che modo? Aggiungendo al curare il prendersi cura.” Queste persone hanno infatti bisogno, sì, di cure, ma anche di sostegno e attenzione. Continua poi il messaggio rivolgendosi ai diretti interessati, coloro che soffrono. “Cari fratelli e sorelle infermi, la malattia vi pone in modo particolare tra quanti, stanchi e oppressi, attirano lo sguardo e il cuore di Gesù. Da lì viene la luce per i vostri momenti di buio, la speranza per il vostro sconforto. Egli vi invita ad andare a Lui: «Venite»”. Si rivolge infine agli operatori sanitari per ricordare loro che nella cura alla persona malata, il sostantivo “persona”, viene sempre prima dell’aggettivo “malata”.

Citazioni per la Giornata del malato: frasi famose e aforismi sulla malattia

Ecco una raccolta di citazioni per la Giornata mondiale del malato, frasi famose e aforismi da condividere per capire la storia e il significato della ricorrenza.

  • Una società è veramente accogliente nei confronti della vita quando riconosce che essa è preziosa anche nell’anzianità, nella disabilità, nella malattia grave e persino quando si sta spegnendo. – Papa Francesco
  • La salute ci consente di godere la vita, la malattia di comprenderne meglio il significato. – Emanuela Breda
  • Le malattie che sfuggono al cuore divorano il corpo. – Ippocrate di Coo
  • Sembra che la natura sia in grado di darci solo malattie piuttosto brevi – la medicina ha inventato l’arte di prolungarle. – Marcel Proust
  • Come Chiesa, ricordiamo che curando le ferite dei rifugiati, degli sfollati e delle vittime dei traffici mettiamo in pratica il comandamento della carità che Gesù ci ha lasciato, quando si è identificato con lo straniero, con chi soffre, con tutte le vittime innocenti di violenze e sfruttamento. – Papa Francesco
  • Gli animali si ammalano, ma solo l’uomo cade radicalmente in preda alla malattia.Oliver Sacks
  • La malattia è un avvertimento che ci è dato per ricordarci ciò che è essenziale.Libro della saggezza tibetana
  • Una delle malattie più diffuse è la diagnosi.Karl Kraus
  • Non si comprende la malattia se non si coglie la sua singolare affinità con la guerra e con l’amore, se non si riconoscono i compromessi, le finte, le necessità assolute, mescolati nello bizzarro e irripetibile amalgama di un temperamento e di un male. – Marghuerite Yourcenar
  • Non si muore perché ci si ammala, ma ci si ammala perché fondamentalmente bisogna morire. – Sigmund Freud
  • Tre malattie vi erano anticamente: il desiderio, la fame e la vecchiaia; dal macello del bestiame altre novantotto ne conseguirono. – Buddha
Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy