Come fare un curriculum vitae per tirocinio – esempio CV PDF

Daniela Saraco 7 Settembre 2020

Consigli per scrivere e come fare un curriculum vitae per tirocinio: come compilare un CV senza errori, esempio  modello C V  gratis PDF e modello di scrittura.

Se ti sei appena diplomato o sei uno studente universitario, puoi avere maggiori opportunità nel mercato del lavoro, sapendo come scrivere il tuo curriculum perfetto. Per scrivere una lettera di presentazione, bastano poche regole da seguire. In questo articolo vedremo come fare un curriculum vitae per tirocinio.

Se sei iscritto all’università o sei un neolaureato, probabilmente la tua carriera universitaria prevede dei tirocini formativi e di orientamento per colmare i CFU nel tuo piano di studi. Il tirocinio è una grande opportunità per affrontare il primo passo verso l’inserimento nel mondo del lavoro. Ma cosa scrivere nel curriculum se non si ha nessuna esperienza?

Giovanna Nappi, consulente aziendale di gestione e formazione, consiglia: “Non ti spaventare dalla tua apparente mancanza di esperienza lavorativa. Ti stai candidando per un tirocinio o per uno stage.  Ad esempio, scrivi i progetti che hai svolto e in cui hai messo in pratica delle competenze specifiche che sono richieste per questa posizione. Oppure, se  hai scritto per una rubrica scolastica o hai partecipato a concorsi.

Se vuoi iscriverti a un tirocinio universitario, puoi anche parlare di corsi o lezioni particolarmente interessanti a cui hai preso parte, soprattutto se prevedevano un elaborato finale o un progetto da ideare in gruppo. Inserisci, inoltre, tutte le competenze che hai appreso o che hai consolidato. Puoi anche parlare del tuo percorso accademico. Scrivi  che sei curioso di imparare cose nuove e di metterti alla prova con corsi avanzati o formativi. Ora vediamo come fare un curriculum vitae per tirocinio!

Come fare un curriculum vitae per tirocinio: cosa scrivere e cosa evitare – scarica esempio PDF

Se sei uno studente e stai cercando il tuo primo tirocinio o stage, forse non hai moltissima esperienza lavorativa alle spalle. Ecco come fare un curriculum vitae per tirocinio! Il tuo CV  è il mezzo giusto per dimostrare tutto il tuo interesse ed il tuo entusiasmo per questa nuova esperienza lavorativa e per spiegare perché ciò che hai studiato ti rende perfetto per quel tirocinio o stage.

Giovanna Nappi, consulente aziendale, spiega: “Non scrivere mai a caso un CV ma prepararlo con la massima attenzione. Esistono svariati modelli di Cv gratis per la partecipazione ad un percorso formativo. Sicuramente uno studente appena diplomato o un universitario hanno poche esperienze lavorative da inserire. Ma se il percorso di studi è stato ricco di esperienze formative, è il momento ideale per descriverle tutte!”

Per fare domanda di tirocinio, i due documenti fondamentali sono il CV, chiaro, semplice e coinciso, e la lettera di presentazione. Per quanto riguarda il curriculum gratis, il formato più apprezzato è quello europeo. Compilarlo è molto semplice, basta seguire le indicazioni. Inserisci  i dati personali, specifica le capacità linguistiche, informatiche e di vario altro tipo, le pubblicazioni e gli interessi. Evita di scrivere abilità o competenze che non possiedi. Devi presentarti senza troppe lodi. Spiega perché sei interessato a lavorare in quell’azienda. La motivazione è fondamentale, soprattutto se hai pochissima esperienza da offrire.

Come scrivere una lettera di presentazione CV tirocinio

Dopo aver chiarito come fare un curriculum vitae per tirocinio, proviamo a spiegare come scrivere una lettera di presentazione. Ecco alcuni passi per scriverla:

  • va intestata  al responsabile risorse umane;
  • scrivi un testo diviso in paragrafi che non sia più lungo di una pagina;
  • la lettera di presentazione non deve essere un riepilogo discorsivo del curriculum, ma deve trasmettere l’interesse e le  motivazioni per cui vuoi fare quel tirocinio;
  • descrivi le competenze acquisite durante gli studi;
  • racconta le esperienze  concrete che provano le tue capacità.

Su internet sono presenti tanti siti web che possono dare gli spunti su come fare il curriculum vitae per tirocinio o la lettera di presentazione. È possibile modificare la grafica, il logo e altri elementi rendendolo più visibile rispetto a quelli di altri candidati. Un chiaro esempio è l’europass. Non ti resta altro che compilare i documenti e inviare la tua candidatura!

© Riproduzione Riservata
avatar Daniela Saraco Sona una donna, una madre, una docente. Scrivo di scuola e di formazione perché è il mio mondo quotidiano. La Direzione di Controcampus mi ha affidato la rubrica sulla scuola, per aiutare a capire meglio le notizie che raccontano la realtà scolastica, con pochi e semplici passaggi: • Cronaca, ossia il racconto dei fatti interessanti accaduti nel mondo della scuola • Inchiesta, è l'approfondimento di un tema attraverso ricerche e interviste. • Intervista, è interessante fare due chiacchiere con una persona particolare che ci può raccontare un'esperienza o una sua opinione. Perché è così difficile raccontare la scuola sui giornali? Perché è difficile trovare giornalisti davvero specializzati nel settore, che ha le sue caratteristiche peculiari e anche il suo lessico giuridico. Far scrivere un articolo sulla scuola a qualcuno che non sa cosa sia un PTOF, ignora le direttive delle ultime circolari ministeriali, non conosce la differenza fra un concorso abilitante per entrare in ruolo e uno aperto solo agli abilitati è come affidare la spiegazione di un discorso finanziario a un giornalista che non mastica neppure i termini base dell'economia. Gli articoli che riguardano la scuola e i suoi problemi, solitamente, nelle redazioni ormai sono affidati in molti casi a cronisti generici. Questo perché, mancando pagine specializzate e un interesse continuativo per il settore, l'articolo parte quasi sempre da un fatto specifico di cronaca spicciola avvenuto in tale o tal altro istituto, e che viene portato a conoscenza dei media da persone estranee alla scuola stessa. Io, invece, essendo ferrata sulle normative del settore e sui termini tecnici e avendo una memoria storica consolidata di quanto è avvenuto in precedenza, racconto episodi e avvenimenti di cui capisco la reale sostanza. Una scuola non ha un ufficio stampa o un addetto ai rapporti con i media, il Ministero non interviene se non con scarni comunicati che riguardano cose sue, i Presidi si trovano a dover rispondere a domande che rischiano di toccare particolari aspetti della privacy degli alunni e che, se rivelati incautamente, possono avere pesanti ripercussioni sulle vite di ragazzi spesso minorenni. Ecco perché risulta importante e necessario far scrivere di scuola a chi la scuola la fa! Leggi tutto