Ritorno a scuola, regole anti Covid-19: quali sono e come funziona

Dalila D'Andrea 17 Settembre 2020

Istruzioni del MIUR sul ritorno a scuola: regole anti Covid 19 da rispettare per frequentare le scuole in sicurezza ed evitare contagio da Coronavirus: distanziamento tra banchi, mascherine e certificato medico.

Le regole per iniziare l’anno scolastico e frequentare la scuola in sicurezza in Campania, Veneto, Lombardia, Umbria, Trentino, Marche, Liguria e in tutta le altre regioni sono le stesse. La normativa generale è quella fissata dal MIUR.

Ma come prepararsi al rientro tra i banchi: cosa comprare oltre a mascherina e gel igienizzante, come comportarsi e cosa fare quando si torna a scuola con il Covid? E ancora cosa fare in caso di rientro a scuola dopo un contagio da Coronavirus: certificato medico di base o Asl?

A risponderci è il professionista del settore scolastico il professore Rocco De Leo che ci spiegherà come fare ritorno a scuola con il Coronavirus ma in sicurezza, tra distanziamento e regole da rispettare.

Norme e regolamenti sono stati diffusi in tutti gli istituti scolastici direttamente dalle istituzioni. Nella normativa del MIUR per frequentare le scuole in sicurezza, si legge di banchi singoli e numero di alunni massimo per classe, distanziamenti, test sierologici per docenti e tamponi per positivi al Covid. Le notizie sulle modalità di rientro sono comunque ancora in divenire. Il ministro Speranza lascia intendere che il proseguimento dell’anno scolastico dipenderà dall’andamento dei contagi. Mentre il premier Conte precisa che anche la presenza di focolai potrebbe incidere sulla apertura delle scuole a livello locale. Ma a prescindere dall’andamento futuro dei contagi, tutti devono rispettare le regole e norme anti Covid a scuola.

Quali regole rispettare per il ritorno a scuola: linee guida del MIUR per docenti e studenti

Il professor Rocco De Leo ci spiega innanzitutto come fare ritorno a scuola, cosa portare e quali regole anti Covid rispettare in classe: quando si può togliere la mascherina, quando è necessario restare a casa (sintomi di Covid e febbre) e cosa fare in caso di rientro a scuola dopo un contagio da Coronavirus.

“Certamente è fondamentale non avere fretta”. – fa sapere senza indugi il prof. – “Quando comincerà la scuola, molti ragazzi avranno voglia di tornare, mostrarsi e farsi vedere tra amici e genitori. Ciononostante, è importante non farsi travolgere dalla frenesia dei primi giorni. Bisogna arrivare a scuola con calma e tranquillità”.

“È importante partire da casa portando con se’ tutto il necessario. Bisogna evitare di andare in bagno insieme nel rispetto delle norme anti Coronavirus. Inoltre, è meglio non correre nei corridoi. Assolutamente vietato, poi, è fumare, magari anche passandosi la sigaretta di bocca in bocca.”- chiarisce il Professore Rocco De Leo -.

“A scuola, naturalmente, i ragazzi troveranno tutta la segnaletica, che va rispettata. Bisognerà dividere le uscite e non far stare più di un certo numero di alunni per metro quadrato. Rispettare gli ingressi e le uscite è fondamentale. Bisogna anche rispettare le indicazioni su come e quando andare in bagno, stare seduti o alzarsi. Per la ricreazione, ognuno resterà nel proprio posto. Non sarà possibile passarsi il panino o la merenda a ricreazione. Inoltre, sarà vietato scambiarsi penne, fogli o altro materiale scolastico. Il mio consiglio è quello di prevenire, piuttosto che curare. Se si avvertono sintomi, anche leggeri, è sempre preferibile agire con cautela. La priorità assoluta è proteggere i ragazzi ed evitare il diffondersi del panico.”Fa sapere il prof De Leo -.

Certificato medico per rientrare a scuola dopo Covid-19

“In caso di contagio, il protocollo prevede che venga avvisato il collaboratore scolastico, il quale, provvisto di tutti i D.P.I. previsti dalla normativa, accompagnerà l’alunno in isolamento nella sala Covid. A questa stanza avranno accesso soltanto il ragazzo infetto e un collaboratore scolastico. Si procederà a chiamare la famiglia che preleverà il ragazzo da scuola e contatterà l’ASL o il Dipartimento di prevenzione di competenza. A questo punto, bisognerà tracciare i contatti del ragazzo. A questo scopo, è importante per un ritorno a scuola in sicurezza installare l’app Immuni, regola anti Covid certamente di buon senso” – afferma il prof Rocco De Leo -.

“Probabilmente, in caso di positività, la classe del ragazzo verrà messa in quarantena e si procederà con la didattica a distanza. Dopo un periodo più o meno lungo di quarantena, il ragazzo potrà tornare a scuola. Il ragazzo dovrà certificare la propria guarigione. Tuttavia, non è ancora chiaro se il certificato dovrà essere rilasciato dal proprio medico di base o dall’ASL. Siamo ancora in attesa di delucidazioni al riguardo. Dopo i necessari accertamenti, potrà tranquillamente tornare a scuola.” – spiega l’insegnante -.

Elenco delle regole anti Covid per il ritorno a scuola

“Per quanto riguarda le mascherine, i ragazzi devono indossarle ogni qualvolta ci sia dinamicità. Se si sta seduti al proprio posto, la mascherina può essere abbassata. Tuttavia, è bene indossarla ogni volta che ci sono situazioni di movimento. Bisogna portarla per andare in bagno, per andare alla lavagna o per andare al distributore automatico”

“Dall’aula si potrà uscire solo uno per volta, segnando l’ora di uscita e di entrata su un apposito registro. I ragazzi troveranno inoltre dispenser di disinfettante davanti a bagni, ingressi e uscite.” – spiega il Professore Rocco De Leo -.

Regole per il ritorno a scuola in sicurezza: secondo indicazioni MIUR
  • Mantenere la calma, evitando di diffondere il panico
  • Andare in bagno uno per volta
  • Evitare di fumare e di correre nei corridoi
  • Rispettare la distanza di sicurezza
  • Non scambiarsi cibo o materiale scolastico
  • Evitare di andare a scuola se si avvertono i sintomi di infezione da Covid-19 
  • Rispettare la segnaletica, sia orizzontale che verticale
  • Seguire le indicazioni per quanto riguarda ingressi e uscite
  • Indossare la mascherina per andare in bagno, per andare alla lavagna e per andare al distributore

“Siamo convinti che i ragazzi, che faranno ritorno a scuola apprezzeranno ciò che abbiamo fatto per garantire la sicurezza di studenti, genitori, docenti e collaboratori scolastici.” –spiega il professore, che poi aggiunge –“Ai ragazzi che si preparano a tornare a scuola dico solo di fidarsi di noi e di mettercela tutta affinché tutto vada per il meglio, facendo appello al senso di responsabilità civile dei ragazzi e di tutta la comunità educante, che comprende docenti, personale ATA, collaboratori, così come i genitori e tutta la società civile.” – conclude il prof Rocco De Leo-.

© Riproduzione Riservata
avatar Dalila D'Andrea Diplomata al liceo linguistico con 100 e lode, frequento il primo anno all'università Alma Mater Studiorum di Bologna. Ho 18 anni e amo confrontarmi con realtà nuove, viaggiare ed esplorare l'inesplorabile. Per questo curo la rubrica Viaggi per Controcampus, dove troverete tutti i consigli e le dritte per organizzare delle vacanze indimenticabili. Amo avventurarmi al di là della mia comfort-zone e credo fortemente nel potere della comunicazione e della circolazione libera delle idee. Per questo mi è stata affidata anche la rubrica Il Professionista, dove curo interviste con personaggi di spicco del mondo del lavoro e della ricerca. Ognuno di noi ha una storia da raccontare; io fornisco la possibilità di farlo. Tra le mie interviste troverete consigli validissimi e opinioni di esperti professori, ginecologi, pediatri, psicologi, avvocati e tanto altro ancora! Sono appassionata di scrittura e sto lentamente esplorando il mondo del giornalismo, che mi ha sempre affascinata. Quando scrivo seguo sempre una celebre regola d'oro: l'interessante per mezzo, l'utile per scopo e il vero per soggetto. Leggi tutto