• Ward
  • Algeri
  • Miraglia
  • Barnaba
  • Cocchi
  • Rinaldi
  • De Leo
  • Buzzatti
  • Bonanni
  • Meoli
  • Quaglia
  • Liguori
  • Casciello
  • Quarta
  • Santaniello
  • Carfagna
  • Alemanno
  • de Durante
  • Paleari
  • De Luca
  • Rossetto
  • Romano
  • Cacciatore
  • Dalia
  • Coniglio
  • Crepet
  • di Geso
  • Bruzzone
  • Gelisio
  • Baietti
  • Bonetti
  • Catizone
  • Califano
  • Pasquino
  • Romano
  • Boschetti
  • Leone
  • Andreotti
  • Napolitani
  • Antonucci
  • Chelini
  • Mazzone
  • Scorza
  • Grassotti
  • Tassone
  • Gnudi
  • Ferrante
  • Valorzi
  • Falco

Chi è Marco Palvetti oggi: età, altezza, fidanzata, film e fiction

Letizia Liguori 29 Dicembre 2021
L. L.
23/01/2022

É Salvatore Conte nella serie Gomorra, chi è Marco Palvetti oggi nella vita privata: età, altezza, fidanzata, instagram, film e fiction che ha fatto.



Il grande successo della serie Gomorra lo presenta al pubblico a casa come Salvatore Conte,  uno dei protagonisti della serie, fino alla morte nella seconda stagione.

Esordisce per la prima volta sul piccolo schermo nella serie “La squadra” come protagonista di puntata nel 2005. Ma è solo nel 2009 che parteciperà con la formidabile regia di Michele Placido nel film “Il grande sogno” al fianco di attori come Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca e Luca Argentero. Un film impegnato dal punto di vista politico che mette in scena le lotte sociali tra borghesi e capitalisti.

Sempre per la regia di Alessandro D’Altari nel 2017 partecipa a film tv “La scuola della notte” e “La legge del numero uno” e alle fiction “In punta di piedi” (2018) e “Il commissario Ricciardi” (2021).

Ma a parlarci di lui non sarà solo la sua carriera con fiction come In punta di piedi, il commissario Ricciardi e Gomorra, Marco Palvetti chi è oggi, quanti anni ha, dove vive, origini, vita privata e fidanzata, sarà la sua biografia a rivelarci tutto su di lui.

Chi è Marco Palvetti oggi: età, altezza, peso, origini, famiglia e fidanzata di Salvatore Conte in Gomorra

Per focalizzare al meglio la biografia e conoscere chi è Marco Palvetti, Instagram, Facebook e Twitter ci saranno utili per scoprire età, peso, altezza, origini, fidanzata e tutto ciò che è possibile sapere sulla sua vita privata.

Nasce il 23 aprile del 1988, sotto il segno del Toro. É alto 180 e pesa circa 67kg.

L’attore è camaleontico, quasi irriconoscibile per quanto sia bravo a confondersi con i suoi personaggi. Ha occhi e capelli scuri, uno sguardo incisivo e espressivo. Fisico sportivo e allenato che gli permette di fare determinati ruoli senza doversi allenare ulteriormente.

Il teatro è stato fondamentale per il percorso di questo professionista ma durante un’intervista dice che lui non crede nella differenza che intercorre tra un attore di cinema e uno di teatro, perché il fuoco che si ha dentro è lo stesso e tutto è nelle mani e nella sensibilità dell’attore a prescindere dal mezzo che utilizza per comunicare.

L’attore è molto seguito sui social e il profilo Instagram di Marco Palvetti attualmente conta circa 85 mila follower. Non aggiorna quotidianamente il profilo ma pubblica foto dei set e dei suoi ultimi lavori cinematografici ma anche dei suoi allenamenti. É un formidabile sportivo e nel tempo libero si allena.

Per quanto riguarda le origini, sappiamo che nasce in un paesino in provincia di Napoli, Pollena Trocchia, e che ha vissuto per alcuni anni a Ponticelli, un quartiere di Napoli.

Per quanto concerne la sua vita privata e sentimentale si sa ben poco, non conosciamo l’identità della compagna, fidanzata o moglie di Marco Palvetti, ne tantomeno se ad oggi ne abbia una. Ha un figlio ma non è noto con chi l’abbia avuto, preferisce mantenere la sua privacy.

Chi era l’attore Palvetti prima di Salvatore Conte in Gomorra

Molti lo conoscono come Don Salvatore Conte nella serie Gomorra, Marco Palvetti chi è oggi come attore e cosa ha fatto per arrivare ad una produzione del genere, non tutti lo sanno. Cerchiamo insieme di ricostruire la sua formazione e capire prima di questo approdo nel ruolo di Conte, cosa ha fatto l’attore.

Da bambino sogna di diventare calciatore, ma è grazie alla scuola e ad alcune recite teatrali che si avvicina al mondo del teatro e della recitazione. Decide dopo gli studi di lasciare la sua città e trasferirsi a Roma. Inizia a fare una lunga gavetta a teatro per approdare solo in seguito sul grande schermo. Citiamo alcuni dei titoli più celebri: “Il Teatro comico” di C. Goldoni, “Morti senza sepoltura” di J. P. Sartre, “Pericolosamente” di E. De Filippo, “La Foresta” di A.Ostrovski, “Romeo e Giulietta” di W.Shakespeare.

Dal 2005 al 2007 ha frequentato un corso di Recitazione cinematografica Cinemafiction, due anni dopo ha frequentato la scuola “Prima del Teatro” con workshop sulla recitazione in Inglese con gli insegnanti W. Jones e W. Allnutt. Si è infine iscritto all’Accademia Nazionale D’Arte Drammatica Silvio D’amico seguendo molti laboratori diretti da M. Placido, E. Nekrosius, V. Binasco, N.Karpov, P. Delbono, L.Salveti, K. Linklater per citarne alcuni. E dopo essersi diplomato nel 2010 frequenta un corso di perfezionamento diretto da L.Ronconi presso il centro teatrale Santa Caterina a Gubbio.

Film  di Marco Palvetti, chi è oggi in tv e al cinema

Dalle fiction al teatro sino al cinema, chi è Marco Palvetti oggi come attore, chiaramente lo dimostreranno i suoi film, serie tv e il talento a dimostrarcelo. Quali sono i suoi ultimi lavori e cosa è cambiato nella sua vita? Iniziamo conoscendolo meglio nel ruolo di Gomorra che lo ha fatto celebre dandogli uno straordinario rilievo.

Interpreta Salvatore Conte un cattivissimo personaggio, un osservatore meticoloso che aspetta il momento giusto per rapportarsi ai nemici e spesso lo fa in modo perverso. Si tratta di un potente che vuole sempre più potere, un ruolo negativo che non è mai eroe alla fine dei conti. Su di lui aleggia il  misterioso destino che lo condurrà ad una doloroso epilogo.

Nel 2017 prende parte alla serie Camera Cafè in un episodio precisamente il sesto e anche in alcuni episodi della celebre serie “I Medici- nel nome della famiglia” (2019), e in “Diavoli” serie tv (2020). Ruolo più importante e continuativo nella serie “Il commissario Ricciardi” (2021) al fianco di Lino Guanciale.

Torna al cinema nel 2019 con “Nati due volte” film di Pierluigi Di Lallo e Il caso Pantani- l’omicidio di un campione con la regia di Domenico Ciolfi (2020).

Anagrafica Principale
Nasce il 23 aprile del 1988, sotto il segno del Toro. É alto 180 e pesa circa 67 kg. Si diploma all'Accademia d'arte Drammatica Silvio D'Amico e inizia la sua carriera a teatro compiendo una lunga gavetta. Debutta al cinema nel 2009 con "Il grande sogno" di Michele Placido. Prima, nel 2005 inizia a lavorare in televisione nella fiction "La Squadra". Successivamente lavora spesso con Alessandro D'altari in progetti quali "La scuola della notte", "La legge del numero uno", "In punta di piedi".
Nome e CognomeMarco Palvetti
Data di nascita23/04/1988
Luogo di nascitaNapoli
ProfessioneAttore
Anagrafica Principale
Nasce il 23 aprile del 1988, sotto il segno del Toro. É alto 180 e pesa circa 67 kg. Si diploma all'Accademia d'arte Drammatica Silvio D'Amico e inizia la sua carriera a teatro compiendo una lunga gavetta. Debutta al cinema nel 2009 con "Il grande sogno" di Michele Placido. Prima, nel 2005 inizia a lavorare in televisione nella fiction "La Squadra". Successivamente lavora spesso con Alessandro D'altari in progetti quali "La scuola della notte", "La legge del numero uno", "In punta di piedi".
Nome e CognomeMarco Palvetti
Data di nascita23/04/1988
Luogo di nascitaNapoli
ProfessioneAttore
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Letizia Liguori Sono una studentessa di Lettere Moderne. Ho scelto questa facoltà per la mia passione più grande: la scrittura. Credo nel potere delle parole per cambiare il mondo, perché queste hanno una forza innata. Nel corso della mia vita, la scrittura è stata uno strumento di evasione: mi ha consolato nei momenti difficili e aiutato quando necessitavo di un consiglio. Maturando ho capito la sua importanza: raccontare idee che smuovano le coscienze. Le mie giornate da adolescente sono state influenzate dalle storie dei deboli di De Andrè, della poesia fatta canzone di Guccini, dal cinema con regia cristallina di Sorrentino e dalla lettura dei classici. Grazie alla lettura riesco ad allontanarmi dalla realtà presente ricercando un altrove nelle epoche passate. Credo che le parole siano un mezzo importante per conoscere sé stessi e gli altri, i vocaboli sono sempre stati la mia difesa, la mia ancora di salvezza. Il mio obiettivo è quello di impiegarli per rendere edotto ed informato il lettore lasciandogli una traccia, un punto di vista, seppur rivolto ad un unico e singolo individuo. Leggi tutto