• Buzzatti
  • Antonucci
  • Quaglia
  • Chelini
  • Meoli
  • Pasquino
  • Gelisio
  • Romano
  • Mazzone
  • Leone
  • Dalia
  • Coniglio
  • Cacciatore
  • Santaniello
  • Algeri
  • Tassone
  • Barnaba
  • Andreotti
  • Liguori
  • Cocchi
  • Alemanno
  • Valorzi
  • Boschetti
  • Baietti
  • Paleari
  • Quarta
  • de Durante
  • Bonanni
  • Grassotti
  • Gnudi
  • Casciello
  • Napolitani
  • Scorza
  • De Luca
  • Miraglia
  • Bonetti
  • Carfagna
  • Crepet
  • Bruzzone
  • Rossetto
  • Califano
  • Rinaldi
  • Falco
  • De Leo
  • Ferrante
  • Ward
  • di Geso
  • Catizone
  • Romano

Chi è Momi El Hawi: età, origine, fidanzata e ristorante e Facebook

Antonella Acernese 6 Dicembre 2021
A. A.
23/01/2022

Leader di Io Apro, chi è Momi El Hawi oggi: biografia, età, altezza, origini, vita privata e fidanzata del ristoratore titolare di Gruppi da Tito.



Imprenditore italiano di origine egiziana. E’ titolare di tre ristoranti in Italia, uno in California e due in Egitto, denominati “Gruppi da Tito”.

Con la pandemia da Covid-10, diviene uno degli esponenti del movimento Io Apro, nato dalle proteste dei ristoratori contro le chiusure delle loro attività.

Anche ospite in diverse trasmissioni, come In mezz’ora e Non è l’Arena, insieme a diversi personaggi noti come Luca Telese,  discute delle tematiche No Green Pass e No Vax.

Il 10 Novembre 2021 all‘hotel The Gate di Firenze, si tiene il primo congresso nazionale di Io Apro per trasformare il movimento in una forza politica.

Ma a parlarci di lui non sarà solo il suo movimento Io Apro, Momi El Hawi chi è oggi, da dove viene, quanti anni ha, genitori, origini, vita privata e fidanzata, sarà la sua biografia a rivelarcelo.

Chi è Momi El Hawi: oggi: biografia, età, origine, genitori, e ristorante del leader Io Apro

Per scrivere una biografia e sapere chi è Momi El Hawi, Instagram, Facebook e interventi in programmi tv, ci saranno utili per scoprire innanzitutto età, altezza, peso, origini, fidanzata e vita privata del ristoratore.

All’anagrafe il suo vero nome è Mohamed, nato in Egitto il 6 Novembre 1985, sotto il segno zodiacale dello Scorpione. Non conosciamo il suo peso né la sua altezza.

Ha tratti mediorientali, carnagione scura e capelli ricci. Ha una barbetta abbastanza folta ma curata. Fisico muscoloso e allenato, ha uno stile casual e semplice, come appare negli eventi pubblici e sui canali social. Indossa jeans, magliette o felpe, ma spesso anche tenute più eleganti. Non sembra avere tatuaggi.

Il ristoratore ha un carattere vivace, esuberante e determinato. Difatti, nonostante la giovane età, gestisce con successo uno dei locali più famosi di Firenze ovvero Tito Peccati di gola.

E’ musulmano ma decide di abbandonare alcuni aspetti della sua religione che, a suo avviso, nel 2020, non hanno più senso. Difatti mangia carne di maiale e beve vino.

Ama viaggiare e sperimentare, coltivare le sue passioni come la cucina. Grazie alla sua passione inventa uno degli impasti di pizza più leggeri e conosciuti di tutta Firenze.

Il profilo Instagram di Momi El Hawi è molto seguito. Con circa 11 mila follower, il ristoratore condivide foto dei suoi piatti, delle novità del ristorante e di serate ai locali. Non rinuncia a condividere sue foto personali, durante attimi di relax o in piazza.

Circa le sue origini sappiamo che nasce in Egitto ma poi con la famiglia si trasferisce a Firenze. Attualmente vive a San Frediano. Il padre, Tito, musulmano ed egiziano si trasferisce in Italia, a Roma, dove inizia come lavapiatti ma poi apprende l’arte della pizza, riscuote successo e apre un gruppo di ristoranti tra l’Egitto e l’Italia.

Ha anche una sorella, trasferitasi a Londra e sposata con un musulmano convertito in Inghilterra.

Della sua vita privata sappiamo che è impegnato, non conosciamo l’identità della fidanzata di Momi El Hawi, ma sappiamo che i due convivono insieme da 6 anni a Firenze. Lui ha chiesto alla ragazza di sposarla con una romantica proposta in volo su una mongolfiera.

Formazione e titoli di studio di Momi di Io Apro

Molti lo conoscono come leader di Io Apro, Momi El Hawi chi è oggi, titoli di studio, formazione e carriera prima di diventare famoso, non tutti li conoscono.

Il giovane apprende presto dal padre la capacità e la dedizione dell’essere un ristoratore, prendendo in gestione uno dei locali più famosi del “Gruppo da Tito”, a Firenze in Via Baracca.

Segue anche la gestione degli altri ristoranti: due a Firenze, uno in California, al Cairo ed un altro ad Ismaili.

La sua dedizione e studio lo rendono uno dei ristoratori più conosciuti, grazie all’alta digeribilità del prodotto.

Progetto futuro del giovane è quello di aprirne un altro ristorante a Londra.

Da Io Apro, Momi El Hawi, chi è oggi opinionista in tv

Costantemente richiesto nelle varie trasmissioni tv come Non è L’Arena, chi è Momi El Hawi oggi, leader del movimento Io Apro e alla guida di una serie di proteste nelle piazze d’Italia, lo scopriamo proprio dagli interventi pubblici.

Diviene noto proprio come uno dei maggior esponenti del movimento Io Apro, nato dalla coalizione dei ristoratori, profondamente danneggiati dalle restrizioni anti-Covid. Oltre ad essere leader è anche tra i principali attivisti, lo vediamo in azioni concrete, come quando leva i sigilli al ristorante. Azione che gli costa una denuncia.

Durante una delle proteste a Roma, si presenta con le manette ai polsi. Proclama l’unione dei ristoratori e li invita a non commettere alcun atto di violenza.

Ad Aprile 2021 ha una sanzione amministrativa e penale per aver dovuto rompere i sigilli posti dalle autorità di polizia alla pizzeria.

E’ divenuto noto soprattutto come opinionista in trasmissione diverse, come Non è L’Arena, dove interviene per difendere quanti come lui non si sentono tutelati dallo Stato e sono contrari al Green Pass.

Il movimento è in procinto di diventare un partito politico. Difatti il 10 Novembre si è tenuto a Firenze il primo congresso Nazionale per presentare liste proprie alle elezioni amministrative del 2022, e successivamente alle elezioni politiche del 2023.

Anagrafica Principale
All'anagrafe Mohamed El Hawi, nato in Egitto il 6 Novembre 1985, sotto il segno zodiacale dello Scorpione. E' titolare di tre ristoranti in Italia, uno in California e due in Egitto, denominati "Gruppi da Tito". Con la pandemia da Covid-10, diviene uno degli esponenti del movimento Io Apro, nato dalle proteste dei ristoratori contro le chiusure delle loro attività. E' anche ospite in diverse trasmissioni, come In mezz’ora e Non è l’Arena.
Nome e Cognome Mohamed El Hawi
Data di nascita06/11/1985
Luogo di nascitaEgitto
ProfessioneImprenditore
Anagrafica Principale
All'anagrafe Mohamed El Hawi, nato in Egitto il 6 Novembre 1985, sotto il segno zodiacale dello Scorpione. E' titolare di tre ristoranti in Italia, uno in California e due in Egitto, denominati "Gruppi da Tito". Con la pandemia da Covid-10, diviene uno degli esponenti del movimento Io Apro, nato dalle proteste dei ristoratori contro le chiusure delle loro attività. E' anche ospite in diverse trasmissioni, come In mezz’ora e Non è l’Arena.
Nome e Cognome Mohamed El Hawi
Data di nascita06/11/1985
Luogo di nascitaEgitto
ProfessioneImprenditore
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Antonella Acernese Studentessa di Lettere Moderne alla Federico II di Napoli. Sono cresciuta a contatto con libri d'ogni genere, sviluppando amore verso le lettere e il potere della loro combinazione. Ho iniziato a collaborare con testate giornalistiche e scrivendo su blog, sin da giovanissima,. L'obiettivo di affermarmi nel mondo lavorativo, in qualità di giornalista, è la mia più grande motivazione . Fortemente affascinata dall'essere attiva sul campo e vigile nello sguardo nei confronti della realtà. Mi appassionano i dettagli, i retroscena, la possibilità di scoprire antefatti e di non arrestarsi mai, in tale ricerca. La dedizione nella ricerca costante dei dettagli è alla base della rubrica di Attualità che curo: "Le biografie dei personaggi". Curiosità, fatti e i loro mondi da scoprire, mi affascinano e mi stimolano nell'addentrarmi in essi e narrarli. Dico da sempre e senza remore, di essere nata per scrivere, per fondere insieme questa mia passione alla volontà di contribuire ad un servizio pubblico, ad informare e far conoscere. Scrittura pulita, chiara e rispettosa, un plain language, è ciò a cui miro nella stesura degli articoli, affinché cronaca e notizie possano essere consumate da tutti, senza alcun ostacolo di chiarezza. Leggi tutto