• Ward
  • de Durante
  • Casciello
  • Antonucci
  • Barnaba
  • Algeri
  • Alemanno
  • Catizone
  • Buzzatti
  • Romano
  • De Leo
  • Tassone
  • Andreotti
  • Leone
  • Baietti
  • Boschetti
  • Cacciatore
  • Meoli
  • Coniglio
  • di Geso
  • Crepet
  • Pasquino
  • Romano
  • Quaglia
  • Rossetto
  • Mazzone
  • Napolitani
  • Quarta
  • Bonetti
  • Falco
  • Scorza
  • Liguori
  • Cocchi
  • Califano
  • Ferrante
  • Rinaldi
  • Bonanni
  • Gnudi
  • Paleari
  • Chelini
  • Carfagna
  • Gelisio
  • Grassotti
  • Santaniello
  • De Luca
  • Bruzzone
  • Dalia
  • Valorzi
  • Miraglia

Chi è Daniela Morozzi: età, altezza, marito, figli, film e fiction

Letizia Liguori 9 Marzo 2022
L. L.
28/05/2022

Si chiama Rosa, nella fiction Lea-Un nuovo giorno, ecco chi è Daniela Morozzi oggi nella vita privata: età, fisico, altezza, peso, origini, compagno, film, fiction e serie tv.



Al cinema è spesso diretta dal regista Paolo Virzì, con il quale nel 1997 debutta in “Ovosodo“, seguito da “Baci e abbracci” e riguardo a questo film ci dice “sicuramente il ruolo di Luana è stato l’inizio della mia carriera, ha segnato un punto di svolta.”

Esordisce sul piccolo schermo nel 1995 con “Pazza famiglia” di Enrico Montesano ma è negli anni 2000 che con la fiction Distretto di Polizia è riconosciuta dal grande pubblico televisivo, al fianco di Giorgio Pasotti. Attore che ha rincontrato dopo tanti anni insieme sul set di Lea-Un nuovo giorno.

Altre fiction di successo a cui ha preso parte sono “Il commissario Manara“, “La fuga di Teresa” e una piccola parte nel 2021 nella “La fuggitiva” al fianco di Vittoria Puccini.

Ma a parlarci di lei non sarà solo la sua filmografia, fiction, film e serie tv, Daniela Morozzi chi è oggi, quanti anni ha, dove vive, origini, vita privata, marito, figli sarà lei stessa a raccontarcelo in questa piacevolissima intervista.

Chi è Daniela Morozzi oggi: biografia, età, altezza, peso, fisico, origini, marito, figli e vita privata

Per mettere a fuoco la sua biografia e sapere chi è Daniela Morozzi, Instagram, Facebook e Twitter ci aiuteranno innanzitutto a conoscere età, altezza, peso, fisico, origini, dove vive, se ha un marito, famiglia e figli.

Nasce a Firenze il 9 giugno 1978 sotto il segno zodiacale dei Gemelli. É alta circa 158 cm e il peso non ci è noto. Ma lei stessa lo definisce “abbondante” facendo trasparire una certa  autoironia.

L’attrice è bionda con tratti dolci e un sorriso coinvolgente, brillante, vulcanica improvvisatrice. Ha una lunga preparazione alle spalle, a proprio agio sia in teatro, al cinema e in televisione dove dimostra la sua versatilità e il suo talento.

I suoi genitori provengono da Monghidoro un piccolo paesino al confine con l’Appennino Tosco- Emiliano. La madre è un’infermiera caposala, proprio come il suo ultimo personaggio nella fiction, suo padre operaio.

L’hanno sempre sostenuta nella sua scelta lavorativa? “I miei genitori non mi hanno mai ostacolata e ciò è una delle cose migliori che mi siano accadute, perché l’attore è un mestiere molto difficile e complesso, dove bisogna lavorare e studiare molto per emergere, soprattutto investendo nella formazione iniziale. Il fatto che i miei non abbiano mai ostruito il cammino, sicuramente mi ha aiutata tanto.”

Il profilo Instagram di Daniela Morozzi è seguito da più di 4 mila followers. Condivide scatti riguardanti il suo lavoro sui set e delle locandine ma è anche molto attenta a temi d’attualità.

Di sé stessa dice di essere una persona abbastanza positiva e che vive il suo mestiere come un lavoro collettivo. “Sto molto bene in gruppo, sono cocciuta, testarda e mentre nella vita sono confusionaria, nel mio lavoro sono estremamente perfezionista.

Ha una famiglia molto numerosa, una di quelle bolognesi di vecchio stampo, con tantissimi cugini, zii e zie. Un nucleo grande ma soprattutto molto unito.

Inoltre è molto legata alle sue origini, ad oggi infatti vive a Firenze e pur avendo vissuto a Roma e a Milano, poi è tornata al suo luogo del cuore, dove vive meglio proprio perché è il posto dove ci sono i suoi legami affettivi.

Per quanto riguarda la sua vita sentimentale e amorosa sappiamo che è impegnata. Ha un compagno Daniela Morozzi da moltissimi anni, ma non ci svela il nome, però ci dice che quest’ultimo ha una figlia nata da un precedente matrimonio alla quale è molto legata. L’attrice ha con il partner un figlio di quattordici anni, Filippo.

Formazione e titoli di studio dell’attrice Morozzi

Se moltissimi oggi la ricordano nei panni di Vittoria Guerra nella fiction Distretto di Polizia, Daniela Morozzi chi è oggi come attrice e cosa ha fatto per arrivare ad essere quella che è ora, non tutti lo sanno. Conosciamola meglio attraverso la sua formazione e cerchiamo insieme a lei di ricostruirla.

Ci racconta di aver iniziato molto presto e che quello di intraprendere la strada della recitazione era un sogno che aveva sin da piccola. Infatti appena ha potuto, ha partecipato ad un corso di teatro, svolto alle scuole superiori.

Dopo il diploma, ha frequentato la scuola “Laboratorio Nove” a Firenze, per la durata di tre anni.

L’attrice nata dal teatro dell’improvvisazione, nel 1988 entra a far parte della Lega Italiana Improvvisazione Teatrale. Prima come attrice e poi come insegnante e infine come direttrice artistica. Inoltre nel 2002 è stata insegnante teatrale nel reality show “Operazione Trionfo” condotto da Miguel Bosé.

La formazione è poi proseguita e approfondita attraverso Master di teatro in tutta Italia ed Europa.

In merito al teatro Le abbiamo chiesto se è mai capitato che l’impostazione teatrale la penalizzasse nella scelta dei registi cinematografici o televisivi? E se si sentisse maggiormente sé stessa d’avanti alla macchina da presa o sul palco del teatro? “Sono due linguaggi diversi però la matrice è la stessa”  – continua – “poi è chiaro che nel cinema i tempi sono diversi, bisogna sottostare al montaggio. Sei una parte importante di un grande ingranaggio, mentre a teatro quando sali sul palco ci sei solo tu, hai una libertà diversa, sei autonoma di gestire il palco. Ma credo che selezionare storie belle e allo stesso tempo essere autentici nell’approccio al testo sia una delle cose più importanti.”

Filmografia, film e serie tv e fiction: Daniela Morozzi chi è oggi in tv

Dal teatro alla televisione sino al cinema chi è Daniela Morozzi oggi in tv possono testimoniarcelo fiction di successo ma non solo anche film a cui ha partecipato. Conosciamola approfonditamente nel personaggio di Lea – Un nuovo giorno, poi come persona oltre che come personaggio.

Rosa Nibbi è madre di tre figli, fa l’infermiera, è caposala e ha dunque un ruolo di responsabilità all’interno dell’ospedale. Lei è la parte più decisa all’interno del gruppo di infermiere e cerca di prendere decisioni giuste per tutti. Ha un rapporto privilegiato d’amicizia con Lea (Anna Valle). Un personaggio molto positivo, aperto, fermo sulle sue posizioni, una donna matura che ha scelto con consapevolezza quel mestiere. Vive il suo lavoro con impegno, dedizione ma anche con vitalità e divertimento.

Sul set di un film Daniela Morozzi mancava da un po’ di tempo, come ha vissuto l’esperienza con i colleghi e la regista ? “Mi sono trovata benissimo, si è creato un rapporto che dura anche al di fuori del set. Credo che la scelta del cast sia stato uno dei motivi per cui Lea ha avuto successo. C’è stata una forte coesione dovuta allo stupendo lavoro di Isabella Leoni. Regista di grande capacità dal punto di vista sia artistico ma anche umano, che ha saputo formare un bel gruppo all’interno del quale si è creata un’alchimia, serenità e voglia di lavorare insieme.”

Se potesse scegliere un regista con cui lavorare in una serie tv, fiction o film, chi sceglierebbe? “Sono tantissimi i registi con cui vorrei lavorare, con Isabella Leoni, ad esempio rilavorerei sempre. Mi piacerebbe essere diretta da Sorrentino, con Scorsese, i più grandi. Poi di recente mi sono innamorata del cinema dei Fratelli D’Innocenzo, con loro in Italia mi piacerebbe tanto.

Quali sono le artiste che la ispirano quotidianamente nel suo percorso?Sono molte le donne a cui io faccio riferimento, per il teatro mi viene in mente la bravura di Maria Paiato un’attrice davvero strepitosa. Per il cinema le grandissime Meryl Streep e Emma Thompson.”

Anagrafica Principale
Nasce a Firenze il 9 giugno 1978 sotto il segno zodiacale dei Gemelli. É alta circa 158 cm. Si forma presso la scuola "Laboratorio Nove". Debutta al cinema nel 1996 e viene diretta da Paolo Virzì in Ovosodo, Baci e abbracci e Notti magiche. Seguono altri film come Nemmeno in un sogno, Piove sul bagnato, I primi della lista e Quel genio del mio amico. In televisione esordisce nel 1995 con Pazza famiglia. Nota per la fiction "Distretto di polizia" nei panni di Vittoria Guerra è anche in L'amore non basta, Il commissario Manara, Il tredicesimo apostolo - La rivelazione, La fuggitiva e Lea - Un nuovo giorno.
Nome e CognomeDaniela Morozzi
Data di nascita09/06/1968
Luogo di nascitaFirenze
ProfessioneAttrice
Anagrafica Principale
Nasce a Firenze il 9 giugno 1978 sotto il segno zodiacale dei Gemelli. É alta circa 158 cm. Si forma presso la scuola "Laboratorio Nove". Debutta al cinema nel 1996 e viene diretta da Paolo Virzì in Ovosodo, Baci e abbracci e Notti magiche. Seguono altri film come Nemmeno in un sogno, Piove sul bagnato, I primi della lista e Quel genio del mio amico. In televisione esordisce nel 1995 con Pazza famiglia. Nota per la fiction "Distretto di polizia" nei panni di Vittoria Guerra è anche in L'amore non basta, Il commissario Manara, Il tredicesimo apostolo - La rivelazione, La fuggitiva e Lea - Un nuovo giorno.
Nome e CognomeDaniela Morozzi
Data di nascita09/06/1968
Luogo di nascitaFirenze
ProfessioneAttrice
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Letizia Liguori Sono una studentessa di Lettere Moderne. Ho scelto questa facoltà per la mia passione più grande: la scrittura. Credo nel potere delle parole per cambiare il mondo, perché queste hanno una forza innata. Nel corso della mia vita, la scrittura è stata uno strumento di evasione: mi ha consolato nei momenti difficili e aiutato quando necessitavo di un consiglio. Maturando ho capito la sua importanza: raccontare idee che smuovano le coscienze. Le mie giornate da adolescente sono state influenzate dalle storie dei deboli di De Andrè, della poesia fatta canzone di Guccini, dal cinema con regia cristallina di Sorrentino e dalla lettura dei classici. Grazie alla lettura riesco ad allontanarmi dalla realtà presente ricercando un altrove nelle epoche passate. Credo che le parole siano un mezzo importante per conoscere sé stessi e gli altri, i vocaboli sono sempre stati la mia difesa, la mia ancora di salvezza. Il mio obiettivo è quello di impiegarli per rendere edotto ed informato il lettore lasciandogli una traccia, un punto di vista, seppur rivolto ad un unico e singolo individuo. Leggi tutto