• Google+
  • Commenta
15 gennaio 2004

The wall. Il muro di Berlino

Durante la seconda guerra mondiale morirono sei milioni di ebrei, sette milioni di tedeschi e venti di russi, ecc. ecc., ma l’uomo non si è mai stan
Durante la seconda guerra mondiale morirono sei milioni di ebrei, sette milioni di tedeschi e venti di russi, ecc. ecc., ma l’uomo non si è mai stancato di ammazzarsi. La differenza principale tra l’uomo e l’animale è che l’uomo è un essere intelligente, pertanto a differenza dell’animale non è sufficiente rinchiuderlo in un recinto, ma ha bisogno di erigere dei muri per non guardare in faccia al proprio simile.
Secondo il filosofo Eraclito tutto il mondo è in continua trasformazione ed è contraddistinto da una continua lotta tra gli opposti. Quando viene però a mancare un nemico, l’uomo sente il bisogno di crearne un altro: pertanto, decapitato il nazismo, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, russi e americani sentivano il bisogno di avere un altro nemico, perché avevano ormai sconfitto il nemico comune.

Alla fine della seconda guerra mondiale, la città di Berlino, come l’intera Germania, fu divisa in quattro zone di influenza: inglese, francese, russa e americana. Nel 1949, americani, inglesi e francesi, decisero di unificare le tre zone sotto la loro diretta influenza e proclamarono la Repubblica Federale Tedesca (RFT) con capitale Bonn. In risposta fu costituita nello stesso anno la Repubblica Democratica Tedesca (RDT) da parte sovietica, con capitale Pankow, un sobborgo di Berlino.
Tra il 1949 e il 1961 quasi tre milioni di persone abbandonarono la Repubblica Democratica Tedesca, diretti verso Berlino Ovest, occupata da inglesi, francesi e americani.
Nel 1961, in pieno clima di guerra fredda, venne eretto il muro di Berlino, il quale divise la città in due zone separate.
Il muro che doveva assumere una funzione difensiva, in realtà mirava ad impedire la fuga dei cittadini della RDT da Berlino, dove vigeva la dittatura comunista.
Il muro fu iniziato la notte del 13 agosto del 1961 quando furono erette delle barriere dai soldati della RDT, che furono in seguito sostituite dal muro lungo 107 chilometri e alto da 4 a 10 metri. Il muro era largo circa due metri, difeso dal filo spinato e provvisto di 207 torrette. Vi erano inoltre, 267 piste per i cani da guardia, 136 bunker e 20 sonar antitunnel sorvegliate da soldati armati.
Si calcola che tra il 1961 e il 1989 più di settanta persone persero la vita, mentre cercavano di fuggire da Berlino Est.
Dino Renna

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy