• Google+
  • Commenta
29 novembre 2005

Quasi Famosi

Trovarsi a 15 anni in tour con una Rock band e scrivere per una pietra miliare del giornalismo musicale come Rolling Stone è una esperienza a dir pocoTrovarsi a 15 anni in tour con una Rock band e scrivere per una pietra miliare del giornalismo musicale come Rolling Stone è una esperienza a dir poco incredibile.
Questa è proprio la storia che ha segnato il regista Cameron Crowe (1975) agli inizi degli anni settanta. Quasi Famosi nasce dall’ esperienza diretta di un regista discepolo del grande critico del Rock, Lester Bangs.
Una storia ironica e al contempo simbolo di una generazione nata con il rock nelle vene, è infondo anche la storia dello stesso Crowe.
Al Rock Crowe deve la sua carriera, ma è riuscito a restituire il favore con numerosi contributi cinematografici come Singles, film testimonianza del grunge di Seattle, con Matt Dillon e alcune band del calibro dei Pearl Jam, Soundgarden, Alice in Chains, Screaming Trees, Mother Love Bone, Fuori di Testa di Amy Heckerling, e Vanilla Sky.
Almost Famous è il primo film vincitore di un premio Oscar Migliore Sceneggiatura Originale, di due Golden Globe come miglior Film musical/commedia, Miglior Attrice non Protagonista Kate Hudson, dopo il successo di Jerry McGuire candidato all’Oscar.
Nel film, il giovanissimo inviato di Rolling Stone, William Miller, interpretato da Patrick Fugit, attore adolescente sconosciuto che ottenne la parte con un provino videoregistrato, è alle prese con le star in ascesa Stillwater, una band al limite dell’implosione….”palle mosce” avrebbe detto Lester.
Il giovane studentello, immerso sin da piccolo nel grande rock grazie alla sorella maggiore, nel svolgere il suo delicato compito di giornalista, ha dalla sua proprio la figura solida e scontrosa di Lester Bangs, interpretato da Philip S. Hoffman.
Bangs, giornalista per la rivista Creem, lo aiuta a comprendere le cose che da solo non avrebbe potuto, solo chi aveva avuto a che fare con le rockstar poteva spiegargli come uscirne fuori illeso. Bangs la sapeva lunga sulle band che stavano frantumando il rock con le cazzate da ragazzetti viziati.
Forte del bagaglio fornitogli da Lester e dalle premurose raccomandazioni di sua madre Elaine (interpretata dal Premio Oscar Fraces McDormand), preoccupata per un figlio lasciato “on the road” esposto all’influenza della triade “sesso, droga e rock’n’roll”, il giovane parte con una manciata di groupies al seguito della band.
In realtà grazie alle groupies “che alla fine faranno capire a tutti cos’è l’amore” William trova l’accesso al backstage.
Da lì in poi il film è tutto da godere, il viaggio della band con tanto di grupies e di giornalista, uniti da un vecchio autobus, apre alle vicende di una splendida kate Hudson (Penny Lane) e il carismatico chitarrista Russell Hammond interpretato da Billy Crudup, o i conflitti tra Hammond e Bebe per la popolarità. E poi il rapporto con le droghe, con la popolarità, con i pompini, e ancora con gli dei dorati della musica, con il “facci apparire fichi”, il volare gratis, la scrittura, le pagine patinate, le ragazze, l’innocenza, la libertà, davvero una bella avventura.
“Cos’è che ami della musica chiede William ad Hammond, ed Hammond….beh tanto per cominciare. TUTTO”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy