• Google+
  • Commenta
17 febbraio 2006

Cala il sipario su “Anarchia visiva. Dalla realtà alla nuova realtà”

14 studi sulla corteccia di un albero esposti su grossi pannelli, accompagnati da una guida- catalogo per promuovere l’arte della fotografia e far val14 studi sulla corteccia di un albero esposti su grossi pannelli, accompagnati da una guida- catalogo per promuovere l’arte della fotografia e far valere l’amore dell’artista per la natura.

«L’allestimento, per il quale è doveroso un ringraziamento agli amici che con me hanno scommesso, voleva essere una personale che prestasse uno sguardo al passato, percorrendo un presente colorato, guardando ad un futuro con occhi nuovi – ha detto Giuseppina Pepe -. Da qui, il titolo “Anarchia visiva. Dalla realtà alla nuova realtà”. La mostra ha avuto l’intento di svelare il mio rapporto intimo e intenso con la natura. Un rapporto profondo e solido, rapito in uno scatto fotografico».

Successo di pubblico: oltre mille persone hanno visitato, a Palazzo Sant’Agostino, la personale della poliedrica artista ebolitana.

Successo di critica: centinaia i messaggi e i complimenti ricevuti da chi ha avuto modo di visitare la mostra e apprezzare le opere esposte.

«I miei ringraziamenti vanno a tutti quelli che hanno creduto in me. Al presidente della Provincia Angelo Villani; all’assessore alle Politiche Giovanili, Massimo Cariello; al sindaco di Eboli, Martino Melchionda; ad Agostino e Anna Gallozzi, attivi sostenitori della mia iniziativa; agli amici che hanno collaborato alla riuscita del mio progetto e a chi, a torto o a ragione, anche per un momento si è soffermato a guardare le opere in mostra».

Il sipario sulla mostra fotografica ideata, curata e firmata da Giuseppina Pepe, poliedrica artista, fotografa ebolitana, calerà il 17 febbraio.

Silvana Scocozza

Google+
© Riproduzione Riservata