• Google+
  • Commenta
14 febbraio 2006

La “democrazia cinese” di Axl

Sono più o meno dieci anni che i fans dei Guns n’ Roses attendono la pubblicazione di “Chinese democracy”, il loro nuovo album tante volte annunciato Sono più o meno dieci anni che i fans dei Guns n’ Roses attendono la pubblicazione di “Chinese democracy”, il loro nuovo album tante volte annunciato e smentito.
Sia chiaro, non stiamo parlando dei Guns originali, quelli che nel giro di pochissimi anni apparvero, incendiarono il mondo del rock e poi si dissolsero; di quella band l’unico sopravvissuto è il suo leader e frontman Axl Rose, che è anche l’unico depositario legale del nome del gruppo. Stando a quanto dichiarato da Axl il mese scorso, “Chinese democracy” dovrebbe uscire nel corso del 2006. Axl ha finora inciso più di trenta canzoni, e fra queste ne sceglierà tredici che andranno a comporre la track-list definitiva dell’album, che è annunciato come un qualcosa di diverso dalla vecchia produzione dei Guns (pare che certi arrangiamenti ricordino i Queen). I fans vecchi e nuovi del gruppo che ha fatto la storia del rock degli ultimi vent’anni dovranno aspettare almeno un’altra decina di mesi per sapere se si è trattato dell’ennesima bufala, o se riusciranno finalmente ad avere in mano quest’album che ormai, a forza di rinvii, è diventato quasi una leggenda.

Google+
© Riproduzione Riservata