• Google+
  • Commenta
24 marzo 2006

“Il diritto del lavoro tra Stato e Regioni”: seminario al Campus di Germaneto

Il mercato del lavoro in Italia è quello che presenta il tasso più alto di differenziazione territoriale: si passa, infatti, dal tasso dIl mercato del lavoro in Italia è quello che presenta il tasso più alto di differenziazione territoriale: si passa, infatti, dal tasso di disoccupazione del 4,1% del Nord d’Italia al tasso di disoccupazione che va oltre il 20% nelle sole regioni della Campania, Calabria e Sicilia. Alla luce del contesto italiano, acquista quindi particolare importanza affrontare i temi del diritto del lavoro in relazione alla riforma del Titolo V della Costituzione.
Di tutto questo si discusso questa mattina al Campus universitario di Germaneto durante il seminario “Il diritto del lavoro fra Stato e Regioni”, svolto nell’ambito delle iniziative scientifiche promosse dalla cattedra di Diritto del Lavoro dell’Università Magna Græcia, diretta dal professor Antonio Viscomi.
È intervenuto il professor Luca Nogler, docente di Diritto del Lavoro e direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Trento.
“Dobbiamo ripartire con l’idea che per ampliare lo spazio d’intervento delle regioni – ha detto il professor Nogler – non è sufficiente prevedere solo una competenza a livello costituzionale, ma bisogna fare delle cose più concrete. È necessario un trasferimento effettivo di competenze da parte dello Stato a livello locale, servono delle direttive precise che materializzino queste competenze regionali e soprattutto occorrono delle sedi formali in cui tutti quei profili su cui concorrono sia competenze statali che regionali possano arrivare a soluzioni concordate. I dati – ha evidenziato il professor Nogler – mostrano quanto nel nostro Paese esistano delle differenze evidenti tra regione e regione dal punto di vista del mercato del lavoro. Gli interventi da realizzare pertanto devono essere sostanziali e differenziati, a seconda del contesto e delle sue problematiche, senza andare ad intaccare però il principio di uguaglianza, che deve sempre guidare l’azione normativa.”

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy