• Google+
  • Commenta
14 marzo 2006

RFID LAB: presso L’Università La Sapienza di Roma

15 MARZO 2006, ORE 11:00
CATTID. Viale dell’Università 36 (PALAZZINA ex Tuminelli), piano interrato.
ROMA

L’Università La Sapienza ha sc15 MARZO 2006, ORE 11:00
CATTID. Viale dell’Università 36 (PALAZZINA ex Tuminelli), piano interrato.
ROMA

L’Università La Sapienza ha scelto la tecnologia di Intel e Oracle per accrescere le potenzialità del proprio RFID LAB, nato nel contesto del CATTID, lo storico centro per l’istruzione a distanza dell’Università.
La Radio Frequency Identification (RFID) serve per rilevare la presenza di oggetti e persone attraverso l’applicazione di apposite etichette (tag RFID) la cui presenza viene rilevata da particolari lettori dotati di antenne a sensori. Questo tipo di tecnologia sta allargando il suo campo di applicazione nei servizi e spazia dal museo parlante al cane guida elettronico fino ad arrivare all’ospedale a prova d’errore, con la lettura a distanza del braccialetto del paziente e il confronto con il tag del farmaco assegnato.
Con l’utilizzo della tecnologia Intel e Oracle, e le competenze che le due aziende mettono a disposizione dell’RFID LAB, l’Università La Sapienza dà ulteriore impulso alle proprie attività di ricerca sui temi Wireless Mobility e RFID, creando al contempo nuove opportunità di confronto con le imprese per la diffusione di queste tecnologie nei contesti dei servizi pubblici e di business. L’Università ha già avviato in collaborazione con varie organizzazioni alcuni progetti pilota, che saranno presentati durante l’incontro.

AGENDA

– Benvenuto
Prof. Renato Guarini, Magnifico Rettore Università La Sapienza
Sergio Rossi, Vice President Oracle Technology Business Unit
– Il Laboratorio RFID: obiettivi, partner
Prof. Ugo Biader, Direttore del CATTID e del RFID Lab
– Perchè Oracle e RFID
Vasu Briquez, Vice President Innovation and Pervasive Computing Oracle EMEA
– Intel e RFID
Dario Bucci, Amministratore Delegato Intel Corporation Italia

A seguire visita al laboratorio e presentazione delle prime sperimentazioni

Google+
© Riproduzione Riservata