• Google+
  • Commenta
10 aprile 2006

Adam Green al Circolo Degli Artisti

L’ex Moldy Peaches ritorna sulla scena. E lo fa alla grande con un nuovo LP, Jacket Full Of Danger pubblicato con la Rough Trade (www.roughtraderecordL’ex Moldy Peaches ritorna sulla scena. E lo fa alla grande con un nuovo LP, Jacket Full Of Danger pubblicato con la Rough Trade (www.roughtraderecords.com), etichetta storica di musica “alternativa” che annovera tra i suoi pupilli anche Strokes e Belle and Sebastian, e con un tour che lo ha portato anche in Italia per due date, la prima il 5 Aprile al Circolo degli Artisti di Roma, la seconda il 6 Aprile al Rainbow di Milano.

Jacket Full Of Danger, pubblicato il 10 Marzo in Europa e il 16 negli U.S.A., segue l’acerbo ma affascinante esordio del cantautore newyorkese Garfield (2002) e i meravigliosi Friends Of Mine (2003) e Gemstones (2005) in cui Adam Green sperimenta musicalmente e liricamente, con un mix personaissimo di musica orchestrale (con tanto di violini e viole) e folk triviale e giocherellone, che ci riporta inevitabilmente alla sua attività con i Moldy Peaches, band formata insieme all’amica Kimya Dawson.

Green ha 14 anni, e, snobbando la carriera scolastica e il college decide di andare in tour con i Moldy Peaches, invitati a fare da band di supporto agli Strokes. Dopo lo scioglimento della band nel 2002 intraprende la carriera solista e da allora ad oggi la sua fama è un continuo crescendo.

Adam Green, appena 24enne, è famosissimo in Inghilterra, in Francia e in Germania. E’ stato in tour con band del calibro di The Libertines, The Thrills, Bright Eyes, Phantom Planet e Ben Kweller (con cui ha duettato nell‘imperdibile “Kokomo”, cover dell’omonima canzone dei Beach Boys).

Ora torna in Italia da solista per la seconda volta, dopo l’apprezzatissima trasferta bolognese del 2005 al Covo, ed è il Circolo degli Artisti, luogo di ritrovo romano degli amanti dell’ indie e della musica live in genere, a fare da scenario alla sua prima tappa italiana, in un concerto raccolto e intimo, preceduto dalle esibizioni live di Only Son e Black Dice.

Adam Green, che esordisce in un italiano stentato con la frase “Welcome to my concerto!” spazia da brani del primo album come “Can You See Me” e ”My Shadow Tags On Behind”, ai singoli di successo “Emily” e ”Friends of Mine”, fino alle tanto attese nuove canzoni come “Novotel”.

Per ulteriori informazioni su Adam Green e sulle altre date del tour, nonché per dare un’occhiata ai download completamente free dei suoi video e brani più famosi, basta andare sul suo sito ufficiale (www.adamgreen.net).

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy