• Google+
  • Commenta
8 maggio 2006

Roma: Tra architettura e comunicazione

In un convegno tenutosi a Roma un bell’esempio di collaborazione fra le facoltà al fine di migliorare la vivibilità della citt&agrav

In un convegno tenutosi a Roma un bell’esempio di collaborazione fra le facoltà al fine di migliorare la vivibilità della città. I presidi delle facoltà di Scienze della comunicazione e Architettura “Valle Giulia” de La Sapienza di Roma hanno dialogato per due ore dei problemi delle rispettive facoltà e della città in generale avvalendosi delle testimonianze delle istituzioni comunali presenti all’ evento che con la loro tetimonianza hanno cercato di dare una risposta alle esigenze delle facoltà ma anche degli stessi cittadini.
Al convegno “l’Esquilino tra cultura e comunicazione” hanno partecipato in tanti, spinti dall’interesse nei confronti di un quartiere centrale eppure periferico in cui gravitano realtà così diverse tra loro come quella dei tantissimi commercianti cinesi che hanno trovato nei dintorni di piazza Vittorio il loro punto di aggregazione; una realtà nella quale da alcuni anni ormai, si sono inserite anche le facoltà universitarie che soffrono per la penuria di spazi.
La domanda che ci si è posti è: possono convivere realtà così diverse? L’assegnazione di spazi a due facoltà popolose come Scienze della Comunicazione e Architettura all’interno di un contesto complesso come quello del quartiere esquilino a Roma può portare a una riqualifica del quartiere stesso?
L’esquilino a Roma è una sorta di Chinatown all’interno del cuore pulsante della città, una realtà tante volte problematica, così come è problematica la situazione spazi di tante facoltà de La Sapienza; dall’incontro fra queste due realtà cosa può nascere?
Una riqualifica del quartiere può passare anche dall’inserimento di quest’ultimo nell’ambito della vita universitaria che può portare allo sviluppo di strutture nuove a gestione mista residenti e stranieri.
Durante l’incontro si è voluto raccontare ai presenti cosa si è fatto e cosa si stà ancora facendo per rendere possibile la convivenza e la vivibilità all’interno di un quartiere storico di Roma.
Istituzioni comunali e universitarie hanno cercato le possibili risposte senza poter giugere però a una coclusione reale del problema che richiede tempo e fondi per poter essere affrontato in maniera adeguata.
Insomma: un incontro che non ha voluto essere il punto di arrivo di un percorso avviato da tempo ma uno dei passi da compiere per cercare soluzioni nuove e alternative a problemi vecchi che attanagliano ormai da troppo tempo la prima università romana e la città stessa in uno dei suoi centri storici.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy