• Google+
  • Commenta
9 agosto 2006

L’ansia di una generazione

“…sentire freddo ad agosto, la sensazione di un cazzotto allo stomaco, paura di perdere il controllo, vertigine, quel senso di solitudine primordi

“…sentire freddo ad agosto, la sensazione di un cazzotto allo stomaco, paura di perdere il controllo, vertigine, quel senso di solitudine primordiale che ogni individuo adulto in fondo si porta dentro”. Tutto questo inserito in un contesto sociale che sembra scorrere veloce, a volte troppo veloce: storie mordi e fuggi, amicizie non sempre sincere, impegni scolastici, studio, lavoro.. Talvolta accade
il miracolo (un po’ di tempo per guardarci dentro senza ipocrisia), ci si ferma in ascolto del mondo che ci circonda scoprendo un certo malessere sociale. I falsi bisogni sponsorizzati non creano appagamento dell’animo umano, le vere necessità non hanno prezzo, oppure sono talmente semplici da apparire scontate e non gli si presta la dovuta attenzione. Si dice che molti genitori offrono ai propri figli : “il superfluo ma non il necessario”, ma non stiamo attribuendo colpe vane. Forse però è il caso di riflettere, nelle università ad esempio (come si suppone stia accadendo anche al di fuori di esse) sono aumentati gli studenti colpiti dai cosiddetti “attacchi di panico”, nelle migliori scuole ormai da diversi anni è presente lo psicologo a sostegno dei giovani che attraversano la delicata fase adolescenziale, molte riviste affrontano problematiche relative alla depressione ed al suo superamento.. Viviamo in Italia, un paese benestante rispetto ad un più complesso panorama mondiale, possiamo definirci fortunati dei beni che possediamo e di ciò di cui possiamo usufruire, eppure se osservo lo sguardo di tanta gente spesso emerge un sentimento vagamente celato di stress, ansia e insoddisfazione. Viviamo nell’era della scienza per cui la caduta di ogni certezza ha portato l’individuo nel relativismo totale, il divertimento sempre e comunque può portare ad una frenetica ricerca di svago quando quella voragine aperta fin dentro allo stomaco, che spinge le masse alla continua ricerca di stimoli ha soltanto un nome: amore. Quando ogni uomo percorre il sentiero della faticosa , meravigliosa (non nascondo il: dolorosa) scoperta di se incontra tanti momenti della propria vita e di quella di coloro che si sono imbattuti nel suo cammino (spesso inconsapevolmente, qualche rara volta per scelta: questi sono gli incontri speciali), ebbene quell’ uomo prima o poi scoprirà che il suo mondo è assai elementare nella sua essenza più profonda. La serenità non è così distante da raggiungere siamo noi spesso a complicare le cose e a renderci schiavi di idee e falsi idoli. Viviamo in una continua “tensione” verso qualcos’altro di futuro e diverso da noi: “quando sarò grande, quando passerà questo momento, quando vincerò la lotteria, quando..”, eppure noi stiamo vivendo qui e ora, nel presente, inconsapevoli della nostra luce interiore. Ogni persona o essere vivente ha la propria: unica e irripetibile. L’ansia che prima o poi colpisce un po’ tutti, magari in periodi della vita diversi di caso in caso è forse un profondo campanello d’allarme della nostra coscienza e del nostro più vero “io” che talvolta emerge dai ritmi veloci e abitudinari che lo vedono coinvolto in virtù del fatto che i nostri reali bisogni sono stati troppo a lungo repressi o ignorati. Ascoltiamoci, impariamo a scegliere la nostra strada e tutto muterà nelle nostre mani. “E’ difficile far crescere un fiore raro”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy