• Google+
  • Commenta
19 ottobre 2006

Trieste: il decano della SISSA Ambrosetti all’accademia delle scienze

Il professor Antonio Ambrosetti, ordinario del settore di Analisi funzionale alla Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste, &egr
Il professor Antonio Ambrosetti, ordinario del settore di Analisi funzionale alla Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste, è considerato uno dei maggiori esperti mondiali di Analisi Matematica non lineare.
Nato a Bari nel 1944, si è laureato in matematica presso l’Università di Padova nel 1966. In SISSA dal 1978, anno della fondazione della Scuola, appartiene al comitato editoriale di quindici riviste scientifiche. Ha conseguito riconoscimenti di rilevante importanza nell’ambito delle applicazioni matematiche come il Premio Caccioppoli nel 1985 e la Chaire LaGrange nel 1991 a Parigi.
E’ anche socio dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti e dell’Accademia Nazionale dei Lincei dal 2003.
Ha girato il mondo (Europa, Stati Uniti, Giappone) come visiting professor presso molte università, Brema , Parigi, Praga, Granada, Madrid, dove ha ricevuto la laurea honoris causa per i suoi meriti scientifici . E’ stato supervisor di studenti di cultura anglosassone che hanno scelto il PhD, titolo accademico equivalente al dottorato di ricerca in Italia.
E’ stato nominato in questi giorni socio corrispondente dell’Accademia delle Scienze di Torino, prestigiosa ed antica istituzione nata in nome del progresso scientifico nel 1783, come branca della Società Scientifica fondata qualche decennio prima, nel 1757, dal matematico Luigi De LaGrange e da altri luminari piemontesi. Appartennero all’Accademia, suddivisa nella classe di scienze fisiche, matematiche e naturali e nella classe di scienze morali, storiche e filologiche, anche Ugo Foscolo, Alessandro Manzoni, Amedeo Avogradro, Carl Gauss, Giuseppe Peano. Nomi altisonanti.
Il professor Ambrosetti si dichiara orgoglioso di poter contribuire, come nuovo membro, a continuare questa gloriosa tradizione.

Google+
© Riproduzione Riservata