• Google+
  • Commenta
16 gennaio 2007

Medaglia d’oro all’ateneo fiorentino: i suoi laureati sono i più “occupati”

Il 60% dei laureati fiorentini trova lavoro a distanza di un anno dalla laurea. Questo è quanto emerso da una ricerca effettuata dalla Alma LauIl 60% dei laureati fiorentini trova lavoro a distanza di un anno dalla laurea. Questo è quanto emerso da una ricerca effettuata dalla Alma Laurea consorzio specializzato in questi tipi di indagini. Sono stati coinvolti fino a 75 mila laureati esponenti di 36 università italiane e, dall’ateneo fiorentino in particolare, 4.570 laureati nel 2004. Gli interessati hanno concluso il loro percorso di studi secondo il vecchio ordinamento. I dati indicano che gli studenti fiorentini già a lavoro sono circa il 60% vs il 54% della media nazionale e nell’ambito dei tre anni questa percentuale continua a crescere in modo esponenziale. Bisogna escludere dagli occupati il 20% degli studenti che continua a studiare tra specializzazioni, master etc. (specialmente studenti di medicina e di giurisprudenza) mentre il restante 20% continua a cercare lavoro. Diverse sono anche le tecniche per trovare una occupazione: l’iniziativa personale premia, la maggior parte degli impiegati hanno trovato lavoro tramite ricerche online o sui giornali (35%), un buon 16% grazie a terzi e pochi si sono affidati invece a concorsi pubblici o altro. Notizie confortanti anche per coloro che seguono master e stage; 10 persone su 100 hanno reali occasioni di lavoro. Naturalmente bisogna tener conto in questa indagine di quanti lavoratori atipici si sta parlando e in merito l’indagine svela che le percentuali di lavoratori “stabili” cresce con gli anni dalla laurea. Il 72% di loro ha un lavoro stabile a 5 anni dal conseguimento del titolo. La maggior parte dei neolaureati lavorano nel settore terziario (quello dei servizi) ed edili. Insomma lavoro, lavoro, lavoro, sembra ce ne sia per tutti e in abbondanza basta solo rendersi conto davvero se il “bicchiere è mezzo vuoto oppure mezzo pieno!”. Chissa?

Google+
© Riproduzione Riservata