• Google+
  • Commenta
15 febbraio 2007

Quando studiare diventa un’ impresa

Alla Biblioteca “ Maurizio Taddei ” del dipartimento di Studi Asiatici dell’ Università di Napoli “ L’ Orientale ” cercare un libro non &eg

Alla Biblioteca “ Maurizio Taddei ” del dipartimento di Studi Asiatici dell’ Università di Napoli “ L’ Orientale ” cercare un libro non è molto semplice. La struttura, tra le più prestigiose e anziane dell’ ateneo, è ancora una volta soggetta a numerose critiche. Già era successo in passato per motivi dovuti alla scarsa igiene dell’ edificio e al crescente fenomeno della scomparsa dei libri, che poi portò ad istituire un regolamento alquanto rigido. Oggi invece le critiche di utenti, docenti e studenti deriverebbero non più da questione di pulizia, ma dai disservizi legati all’ accessibilità dei cataloghi on line che la biblioteca può vantare. In teoria la struttura dovrebbe mettere a disposizione dell’ utenza una serie di terminali per l’ interrogazione del catalogo on line unificato di tutte le biblioteche presenti all’ interno della sede di Palazzo Corigliano ( Dipartimento di Studi del Mondo Classico e del Mediterraneo Antico, Dipartimento di Studi Asiatici e Dipartimento di Studi e Ricerche su Africa e Paesi Arabi). Invece no. Ad oggi, solo una delle tre postazioni informatiche poste all’ ingresso della biblioteca risulta essere funzionante, seppure un giorno si ed uno no! Gli altri due terminali invece, sono da circa un anno spenti perché non funzionanti e presentano un bel cartello con la scritta “ guasto ”. Inutile parlare dei disagi che questa situazione sta portando agli utenti che per poter consultare il catalogo sono costretti, per adempiere ai loro compiti, ad aspettare lo scorrimento di interminabili file o talvolta a consultare il catalogo cartaceo della biblioteca. Una situazione insostenibile che per il personale della struttura è dovuta alla costante mancanza di risorse economiche disponibili. Ma il problema più grosso è per i ragazzi, che si lamentano vivacemente della situazione e vedono sempre più difficile assolvere al ruolo di studenti, date le condizioni non ottimali che gli vengono offerte.

Google+
© Riproduzione Riservata