• Google+
  • Commenta
18 febbraio 2008

Venezia: Classico Manifesto

Il centro studi Architettura Civiltà e Tradizione del Classico dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia e la Fondazione TriennaleIl centro studi Architettura Civiltà e Tradizione del Classico dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia e la Fondazione Triennale di Milano, in collaborazione con Engramma, Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Fondazione Valore Italia, presentano “Classico Manifesto, una mostra sulla classicità”. Obiettivo della mostra è ribadire che un classico, se è veramente tale, non teme la parafrasi e la rielaborazione, e neppure la dissacrazione e la falsificazione. Reinventato o sottoposto al gioco ironico dell’artista e del creativo pubblicitario, il classico resiste nel tempo, dà prova della sua potenza estetica, della sua immortalità, ritrova energia, vitalità e lascia ancora una volta un segno. La pubblicità sfrutta da sempre il repertorio delle opere d’arte classiche per conferire attrazione e richiamo in chiave culturale ai suoi prodotti. E così può succedere di vedere il David di Michelangelo in jeans accompagnato da una modella in languide pose, o la Gioconda di Leonardo appena uscita dal parrucchiere con un’acconciatura stravagante. I modelli della classicità antica, ma anche dell’arte rinascimentale e contemporanea, vengono continuamente riproposti nei cartelloni, nelle campagne a stampa, negli spot. “Classico Manifesto”, inaugurata alla Triennale di Milano il 12 febbraio e aperta al pubblico fino al 24 marzo, accoglierà storici dell’arte, filologi classici, semiologi, studiosi della comunicazione, direttori creativi e storici della pubblicità . Quattro calchi di ‘classici’ – una Venere di Milo, un David, un Discobolo, e il calco del Laocoonte dell’Accademia di Brera (restaurato di recente proprio in occasione di questa esposizione) – sono messi a confronto con le loro versioni contemporanee e con le rielaborazioni pubblicitarie da altri modelli, antichi e moderni, riprodotti in forma di manifesti pubblicitari e di montaggi video. Nel catalogo della mostra figurano i contributi di studiosi di diversa formazione, per una rilettura inedita della relazione tra pubblicità e tradizione classica.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy