• Google+
  • Commenta
22 maggio 2010

Salerno: la truffa ai danni dei neroazzurri

Eboli. Il mondo della truffa non smette mai di sorprenderci e oggi colpisce anche il mondo dello sport e del turismo.

Università di Salerno

Università di Salerno

Un pregiudicato trentacinquenne, A. M., (con l’aiuto di complici non ancora identificati) di Eboli, cittadina a sud di Salerno, infatti, è stato denunciato dalla Guardia di Finanza di Salerno per aver truffato diverse agenzie di viaggio per aver creato dei finti pacchetti turistici che includevano soggiorno di due giorni a Madrid più il biglietto per il tanto atteso incontro di calcio: la finale di Champions League tra Inter e Bayern Monaco!

La truffa ha rimediato all’ebolitano un’entrata di oltre centomilioni di euro (il costo del pacchetto, comprensivo di aereo, pernottamento e il biglietto per il match ammontava a 1.500 euro!) a discapito di numerosissimi tifosi che non hanno mai ricevuto né vaucher né biglietto per la partita in terra spagnola.

I bonifici bancari effettuati dalle agenzie (la vendita era riservata solo alle agenzie), infatti, venivano eseguiti su un conto corrente aperto presso la filiale di una banca napoletana (con soli venti euro!) prima dell’invio dei vaucher.

L’operazione, denominata “Vamos a Madrid”, ha visto protagonista le Fiamme Gialle del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Salerno e della Compagnia di Eboli che celermente ha sequestrato il contro corrente aperto ad hoc dal truffatore nonché computer, bancomat, denaro contante e altro materiale durante le perquisizioni presso il suo domicilio.

Le molte agenzie (soprattutto napoletane, del nord e svizzere) che avevano acquistato i numerosi pacchetti, poi rivenduti ai propri clienti, solo a pochi giorni dall’evento, non ricevendo alcun biglietto e percepita la truffa, hanno denunciato l’accaduto alla Guardia di Finanza.

Il danno e la beffa, dunque, per tutti i tifosi, forse più delusi dall’impossibilità sopraggiunta di non poter assistere all’incontro di calcio dell’amata Inter, che per la perdita pecuniaria in se.

Il truffatore, già conosciuto per le sue “gesta” nell’ambito del gioco d’azzardo, è stato immediatamente denunciato dalle autorità. Resteranno ora da chiarire i tempi e le modalità dell’eventuale risarcimento da rendere ai tanti e “delusissimi” tifosi Neroazzurri!

Pasqualina Scalea

Google+
© Riproduzione Riservata