• Google+
  • Commenta
24 settembre 2010

Laurea Honoris Causa ad Umberto Bossi … parte seconda

È stata del Ministro dell’istruzione Mariastella Gelmini la proposta di laurea honoris causa ad Umberto Bossi in Scienze della Comunicazione. “Voglio proprio vedere chi avrà il coraggio di mettere in dubbio il buon diritto di Umberto Bossi, che è parte della storia di questo paese, a ricevere una laurea honoris causa” aveva commentato.Renzo Dionigi – rettore dell’università dell’Insubria – colto al volo il suggerimento, aveva subito proposto che fosse il suo Ateneo a donare al leader leghista l’ambito riconoscimento. I presidi e i professori dell’università però non hanno accolto l’idea con l’entusiasmo sperato.

Già da diversi mesi il corpo docente dell’Insubria esponeva i propri dubbi e perplessità sulle scelte interne dell’ateneo, in modo particolare sulla distribuzione dei finanziamenti, visibilmente erogati a favore di Varese e a scapito di Como. Le incertezze si sono moltiplicate quando proprio da parte di quel rettore che illustrava la sua idea di meritocrazia sostenendo che “È un principio che si è spesso tradotto nell’esatto opposto. Generando situazioni paradossali,” e che poi inseriva il figlio, col ruolo di associato, nella sua stessa università.

Ora dunque, i docenti dell’Insubria fanno sentire la propria voce, e contestano palesemente le azioni di Dionigi. Non solo per la gestione interna, ma anche per il modo in cui l’università è stata presentata da varie testate, nazionali e non, proprio riguardo al tema Bossi. Il professor Paolo Cherubino ad esempio, si è mostrato scioccato di fronte a quello che veniva dipinto come il più triste dei baratti: una laurea honoris causa ad un politico in cambio di benefici economici per l’ateneo.

Insieme al professor Cherubini, anche i presidi di Economia, Matteo Rocca, e Scienze, Stefano Serra Capizzano, accusano il rettore per la “fumosa gestione dell’ateneo,” per le promesse impossibili da mantenere fatte ai ricercatori, per la riforma dei dipartimenti e per una serie di altre problematiche che fanno presagire un periodo difficile per il rettore, che dunque probabilmente non riuscirà a mantenere la sua promessa al leader della lega.

Da parte sua, Bossi non dice una parola sull’accaduto; dunque, o l’idea di ricevere una laurea honoris causa non lo tocca affatto, o preferisce restare in attesa dello sviluppo degli eventi, aspettando magari che la Gelmini trovi un’altra soluzione.

Marilena Grattacaso

Google+
© Riproduzione Riservata