• Google+
  • Commenta
22 ottobre 2010

Non è vero ma ci credo

Aumentano i rituali e le superstizioni tra i giovani“Essere superstiziosi aumenta la fiducia in se stessi durante le prove, e questo da’ vita a migliori performance”.Questo è quanto sostengono i ricercatori dell’universita’ di Colonia guidati da Lysann Damisch.

La ricerca, pubblicata su Psychological Science, si è svolta dividendo i soggetti partecipanti in due gruppi.

Entrambi i gruppi dovevano sottoporsi ad una partita di golf dove, ad un gruppo, veniva detto che la pallina che stavano utilizzando si era rivelata fortunata in studi precedenti, mentre all’altro non veniva detto niente. I soggetti de primo gruppo hanno avuto prestazioni migliori, finendo in buca in media in due colpi in meno del secondo gruppo.

In un altro test, invece, veniva chiesto agli studenti di portare con loro un portafortuna(amuleti, anelli,…) ma solo a metà dei partecipanti veniva consentito di tenere i portafortuna con sé durante le prove di memoria.

Anche in questo caso i risultati hanno avvalorato la tesi dell’illusorietà del meccanismo “la superstizione– spiega Damischli illude di riuscire a controllare qualcosa che di fatto è incontrollabile”.

Infatti, la presenza dell’oggetto ‘magico’ ha dato vita a migliori risultati, gli stessi avuti in un altro test quando ai soggetti era stato detto che i ricercatori ‘incrociavano le dita’ per loro.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata