• Google+
  • Commenta
13 gennaio 2011

Seicento possibilità dalla Commissione Europea

Parte il 2011 e si riaprono i termini per partecipare agli European Commission Trainees, il ciclo di tirocini retribuiti riservato ai laureati della UE che abbiano voglia di provare un’esperienza professionale nell’ambito delle istituzioni europee. Scopo: comprendere gli scopi e le finalità dei processi e delle politiche di integrazione europea.

I dettagli600 i posti messi a disposizione per la tornata di winter traineeship : 5 mesi da ottobre 2011 a Febbraio 2012 con destinazione Bruxelles, Strasburgo, oppure le varie Rappresentanze della Commissione europea in giro per l’Europa. Le candidature, aperte fino a mezzogiorno del 31 gennaio 2011, devono essere inoltrate elettronicamente attraverso un application form solo dopo aver creato un account personale. Solo in un secondo momento la procedura prevede l’invio cartaceo.

Le candidature sono aperte solamente a chi è già in possesso (al 31 gennaio prossimo) di un diploma di laurea (triennale o magistrale). Ulteriori requisiti imprescindibili sono: non aver mai svolto un periodo di stage presso alcuna istituzione europea e l’ottima conoscenza di due lingue comunitarie (ma una delle due deve essere inglese o francese o tedesco, lingue ufficiali UE).

Può rivelarsi illuminante consultare la sezione delle FAQ in cui sono preventivamente affrontati tutti i problemi in cui ci si può imbattere durante le operazioni di accounting, compilazione e invio. Così si scopre almeno una importante novità : la documentazione da presentare a corredo della domanda andrà benissimo in lingua italiana e non ci sarà bisogno di farsela tradurre.

L’Europa continua dunque a porsi come istituzione professionalizzante aperta all’intraprendenza dei suoi laureati. Per tutta risposta non accenna a placarsi l’interesse manifestato in particolare dai giovani italiani per i trainees europei: per il summer period (gli stage che cominceranno tra meno di due mesi, il primo marzo prossimo) le candidature provenienti dall’Italia ammontavano ad oltre un quinto del totale (1199 su 5510)!
Da noi c’è proprio fame di esperienze.

Raffaele La Gala

Google+
© Riproduzione Riservata