• Google+
  • Commenta
28 febbraio 2011

Roma Noir 2011: la Sapienza organizza l’ottava edizione

Roma Noir 2011 è l’ottava edizione della manifestazione annuale dedicata al romanzo nero contemporaneo organizzata dal 2004 dall’università di Roma Sapienza e da quest’anno dalla nuova facoltà di filosofia, lettere, scienze umanistiche e studi orientali e dal dipartimeno di scienze documentarie, linguistico-filologiche e geografiche.

Roma Noir 2011 è l’ottava edizione di un progetto complesso che non si limita al convegno organizzato dalla Sapienza; è quanto sottolinea anche Elisabetta Mondello,docente alla Sapienza e organizzatrice dell’evento.

Ogni anno viene scelto un tema particolare: quello di quest’anno è la città. Quella degli anni 2000 è terribile nel senso che è profondamente coattiva,toglie le libertà di parola e movimento a tutti noi.

Le atmosfere cupe, i luoghi macabri, i personaggi misteriosi che danno vita a trame particolarmente coinvolgenti ma a volte anche inquietanti, sembrano saper cogliere gusti e sentimenti della società del ventunesimo secolo.

C’è una componente molto forte di realismo e questo anche nella rappresentazione delle città. Queste non sono piu’ le città storiche,le grandi città come Roma Torino Bari Palermo Milano,ma sono spazi odierni in cui si muovono identità culturali,etniche profondamente diverse le une dalle altre.

Bisogna dire, inoltre, che il progetto lascia anche spazio ai giovani talenti,scrittori e grafici con due concorsi: uno letterario e uno per fumetti organizzato dalla scuola internazionale di Comix.

In questo modo, chiunque puo’ divertirsi ad essere uno scrittore Noir. Non si deve tuttavia credere che si tratti di un concorso semplice: i racconti proposti-elaborati dai quali si evince che l’immaginario dei giovani si modifica molto profondamente-non devono superare le quattromila battute.

Il Noir, genere nato nell’800, oggi è un vero e proprio fenomeno di massa in grado di arrivare a vendere milioni di copie e del quale non va dimenticata l’importanza.


Roberta Nardi

Google+
© Riproduzione Riservata